"Restituire dignità al lavoro"

come invocato invano da Giuseppe Burgarella

ROMA - Il bisogno di lavorare, diritto e insieme dovere, è diventato tragico protagonista del vivere quotidiano di troppe persone. Lavoratori e lavoratrici disposti a mettere in pericolo la salute propria, quella dei familiari e dei concittadini, pur di lavorare, come il caso Ilva dimostra, e tanti altri sopraffatti dalla mortificazione di non aver più un lavoro e nessuna possibilità di trovarlo, di non poter sperare in una esistenza libera e dignitosa, quella promessa dalla nostra Costituzione, come è accaduto a Giseppe Burgarella e a coloro i cui nomi erano elencati prima del suo, nel foglio simbolicamente custodito in una copia della Carta del ’48.

Magistratura Democratica ha sempre considerato i diritti e le tutele dei lavoratori una fondamentale priorità del sistema democratico, ha fortemente criticato le modifiche normative che, aumentando in modo esponenziale la condizione di precarietà e la subalternità dei dipendenti al potere datoriale, finiscono direttamente o indirettamente per ledere il diritto al lavoro,la dignità dei lavoratori e del lavoro stesso.

Magistratura democratica auspica che il lavoro torni ad essere il fulcro di una riflessione e di un impegno capaci di prendere le distanze da un sistema votato alla centralità del profitto in un’ottica di finanziarizzazione dell’economia per  costruire su basi attuali un sistema che restituisca dignità alle vecchie e nuove forme di lavoro e che garantisca la tutela dei diritti fondamentali della persona; questo, in un contesto nazionale ed europeo capace di dare concretezza a quei valori che Giuseppe Burgarella ha invano invocato assieme al rispetto della Costituzione.

L'ESECUTIVO DI MAGISTRATURA DEMOCRATICA

11 febbraio 2013

11 febbraio 2013
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti