Reato di tortura

"Delusione per rinvio ddl"

"Passo avanti atteso dal 1988"

Apprendiamo con delusione che è stato deciso di sospendere e rinviare a data da destinarsi l'esame del disegno di legge sull'introduzione del reato di tortura, previsto per oggi al Senato. Abbiamo criticato la proposta destinata all'Aula, ma sarebbe stata comunque un passo avanti. Attendiamo, infatti, dal 1988 l'applicazione concreta della Convenzione Onu ratificata dall'Italia. E non dimentichiamo gli ammonimenti e la condanna della Corte Edu relativa ai fatti di Genova.

Ribadiamo come urgente l'introduzione del reato di tortura, perché non esiste risposta al crimine, anche il più grave, svincolata dal rispetto dei diritti fondamentali dell'uomo.

Il Comitato Esecutivo di Magistratura democratica

(19 luglio 2016)

19 luglio 2016
Ultimi articoli
Rassegna

Nel nome dell’interesse dello Stato si fa a pezzi il principio di non colpevolezza

Intervista a Riccardo De Vito, presidente di Md (Il Manifesto, 7 novembre 2018)
Intervento

Il ruolo della magistratura nella difesa delle garanzie

di Mariarosaria Guglielmi
Il garantismo: esigenza della giurisdizione, fondamento della sua indipendenza
Minori

Prime riflessioni sul Ddl Pillon

di Giulia Marzia Locati
Dal superiore interesse del minore ad una visione adulto centrica delle relazioni familiari
Medel/Aed

Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés)/Aed (Avocats Européens Democrates): Magistrati e Avvocati dalla parte dei valori comuni

di Mariarosaria Guglielmi
Le conclusioni comuni della conferenza internazionale L’indipendenza della Giustizia in Europa, Magistrati/Avvocati/Duo/Duel (Bruxelles, 26 maggio 2018)
Rassegna

I magistrati democratici europei: «Le costituzioni affermino il ruolo dell’avvocato»

Il Dubbio, 29 settembre 2018
Polonia

Encj: il Consiglio di Giustizia (KRS) non è un'istituzione indipendente

Le riforme della giustizia hanno prodotto una crisi sistemica dello Stato di diritto. Il KRS non è in grado di sostenere il sistema giudiziario nell’esercizio indipendente della giurisdizione