Pratica Scarpinato e libertà di espressione

"Csm deliberi archiviazione con urgenza"

 

Magistrati e libertà di espressione: la pratica “Scarpinato”

Ieri la Prima Commissione del Csm ha proposto a maggioranza l’archiviazione della pratica avente ad oggetto la posizione di Roberto Scarpinato in relazione alle parole da lui pronunciate nel corso della cerimonia per ricordare la figura di Paolo Borsellino.

Magistratura Democratica era già intervenuta sul punto, con un comunicato del presidente, in cui si sottolineava la ferma opposizione a tale iniziativa volta a sanzionare disciplinarmente la legittima e costituzionalmente garantita partecipazione di un magistrato al dibattito pubblico

Come di recente affermato in altro comunicato, Magistratura Democratica, da sempre, rivendica l'opportunità della partecipazione dei magistrati al dibattito politico, l'intrinseca politicità dell'attività giurisdizionale e contrasta quelle posizioni culturali che tendono, nella sostanza, a restaurare una figura di magistrato avulso dalla realtà in cui opera. L’intervento pubblico del magistrato, quando è caratterizzato da equilibrio e misura ed è svolto in modo da non arrecare pregiudizio al lavoro giudiziario e alla immagine della giurisdizione, è un contributo fondamentale alla formazione di un’opinione pubblica davvero libera ed informata, a maggior ragione quando investe temi e vicende di grande complessità e rilievo.

Per queste ragioni Magistratura Democratica auspica che il CSM deliberi con urgenza e all’unanimità l’archiviazione della pratica relativa a Roberto Scarpinato

 

L’esecutivo di Magistratura Democratica

(9 ottobre 2012)

9 settembre 2012
Ultimi articoli
Ricordando Walter.

Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta

Oggi al duomo di Monza una folla di donne e di uomini ha salutato Walter Mapelli, Procuratore della Repubblica di Bergamo che ci ha lasciato l’8 aprile, dopo una lunga malattia
Polonia.

Il messaggio dei giudici polacchi aderenti a Iustitia

La testimonianza dell’impegno a contrastare la crisi dello Stato di diritto
21 marzo: Giornata della Memoria e dell’Impegno per le vittime di mafie.

Dare un senso all’impegno

di Stefano Musolino
Un giorno per rammentare il senso dell’operare e gettare nuove basi per una più efficace azione di contrasto alle mafie
Rassegna.

Ezia Maccora «Più attenzione alle parole usate nelle sentenze»

L’intervista al Corriere della Sera a cura di Fiorenza Sarzanini, 14 marzo 2019
Romania.

Crisi dello Stato di diritto in Romania

La dichiarazione di Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et Les Libertés) sulla crisi dello stato di diritto in Romania e sulle riforme avviate nel 2017 che mettono a rischio l’indipendenza del sistema giudiziario e l’azione di contrasto al fenomeno della corruzione
Rassegna.

Mariarosaria Guglielmi: «Difendiamo i diritti, non siamo avversari politici del Governo»

L’intervista a Il Manifesto, 5 marzo 2019