Combattere le radici della degenerazione

Per uscire dalla palude del carrierismo: alcune proposte di Magistratura democratica

di Esecutivo di Magistratura democratica
Temporaneità effettiva degli incarichi direttivi e semi-direttivi e ritorno al concorso di primo grado. Alcune semplici indicazioni per iniziare ad affrontare il nodo del carrierismo e per restituire alla giurisdizione il volto costituzionale di una magistratura distinta soltanto per funzioni.

Utilizziamo le parole di Franco Cordero, mai troppo compianto: l’antica struttura piramidale ha ripreso a orientare il codice genetico della magistratura.

Come abbiamo più volte ribadito, la degenerazione del sistema ha molti responsabili e protagonisti, ma alla radice vi è una straordinaria ripresa della carriera e del carrierismo, i cui effetti nefasti in termini di perdita di indipendenza e di gerarchizzazione sono sotto gli occhi di tutti.

Solo in questo modo si può infatti spiegare l’attenzione spasmodica di molti magistrati per gli incarichi direttivi e semi direttivi che emerge dai fatti di Perugia.

Ma per uscire da questa crisi non è sufficiente, per quanto necessaria, una secca e netta condanna di prassi e comportamenti inaccettabili. Per decifrare la crisi in cui versa la magistratura italiana, è dirimente affrontare il nodo strutturale del carrierismo, tagliandolo per provare a immaginare un futuro che restituisca alla giurisdizione il volto costituzionale di una magistratura, distinta soltanto per funzioni, che coltivi: l’indipendenza esterna e interna, la qualità e il rinnovamento della giurisdizione, l’attenzione ai diritti e la voglia di inverarli nel lavoro quotidiano svolto dentro le aule, con indosso la toga.

Da qui – come emerso nel seminario provocatoriamente dedicato alle “carriere” e nel dibattito del Consiglio Nazionale del 13 giugno – la necessità di un vero e proprio statuto che esprima un nuovo modo di concepire l’ufficio direttivo. Uno statuto da comporre con una serie di proposte di cambiamento che possono riguardare il futuro, con interventi sulla normazione primaria; il presente, attraverso modifiche della normazione secondaria e dei comportamenti; e il passato, con una denuncia a tutto campo degli effetti deleteri della verticalizzazione della magistratura e di condotte che – anche nell’autogoverno –  hanno prodotto l’involuzione del carrierismo, in contrasto con la conformazione costituzionale della “magistratura orizzontale”.

In questa direzione avanziamo alcune proposte, da intendersi non quali parziali rimedi, ma come primi passi di un percorso di rigenerazione della magistratura che, senza dispersione delle esperienze positive, favorisca un cambiamento culturale e un nuovo approccio, con comportamenti concreti, alle funzioni dirigenziali:

  • temporaneità effettiva degli incarichi direttivi e semi-direttivi, con ritorno alle funzioni ordinarie per un tempo di quattro anni, prima di potere presentare una nuova domanda per incarichi direttivi e semi-direttivi;
  • previsione del medesimo termine di quattro anni di permanenza effettiva nelle funzioni giurisdizionali per chi, provenendo dal fuori ruolo, intende proporre domanda di incarichi direttivi e semi-direttivi; previsione di un congruo periodo nella giurisdizione prima di accedere a incarichi fuori ruolo.

 

Siamo ben consapevoli, inoltre, che la deriva carrieristica si contrasta dall’inizio del percorso professionale. Per questo riteniamo orami ineludibile che il concorso per l’ingresso in magistratura torni ad essere un concorso di primo grado, al quale si accede con il solo titolo della laurea in giurisprudenza, con il superamento dell’attuale sistema che produce di fatto una selezione per censo.

Riteniamo queste proposte funzionali al ritorno alle attività d’ufficio di colleghi che, avendo maturato una pregressa esperienza in incarichi direttivi e semi-direttivi, possano diffondere la cultura ordinamentale e costituire un autorevole contraddittore alle scelte del dirigente, contribuendo così all’effettiva democratizzazione degli uffici e alla diffusione di una cultura della gestione partecipata e responsabilizzante, primo antidoto al carrierismo.

Per il presente, è essenziale una risposta sul piano delle scelte dei singoli.

Chiediamo, per questo, che tutta la magistratura si senta impegnata a dare concretezza a tali proposte, inverandole come prassi diffusa, per farle vivere indipendentemente da ogni prospettiva di riforma delle norme primarie e secondarie.

Dai comportamenti possono arrivare quelle risposte che servono per ridare credibilità all’ordine giudiziario.

16 giugno 2020
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.