Md: "Grande prova di partecipazione popolare"

Rielegittimato valore fondante della Costituzione Repubblicana

Una grande prova di partecipazione popolare, importante al di là della scelta da ognuno depositata nell'urna, ha rielegittimato il valore fondante della Costituzione Repubblicana entrata in vigore nel 1948, dei suoi principi e della forma di governo idonea a farli vivere: quella parlamentare, basata sulla partecipazione dei cittadini, sulla rappresentanza, sull'uguaglianza.

Magistratura democratica si è impegnata in una campagna difficile e ha sempre messo al centro del dibattito il merito e i contenuti della riforma, tenendosi lontana dalla mera propaganda e, allo stesso tempo, dal rinnovato vigore dell'argomento teso ad abrogare di fatto l'art. 21 nei confronti dei magistrati.

Si tratta ora di dare nuovo slancio alla promessa di cambiamento dell'art. 3 capoverso, per rivitalizzare principi scritti nella prima parte della Carta, a partire dal lavoro e dalla difesa dei diritti dei sottoprotetti. Magistratura democratica intende ripartire da qui.

 

Il Comitato Esecutivo di Magistratura democratica

(5 dicembre 2016)

5 dicembre 2016
Ultimi articoli
Commenti

La controriforma gialloverde delle carceri

di Riccardo De Vito
L'analisi. I contenuti del decreto legislativo in tema di ordinamento penitenziario approvato dal Consiglio dei Ministri il 2 agosto (Il Manifesto)
L’intervento

La magistratura torni all’impegno comune sui diritti e sulle garanzie

di Mariarosaria Guglielmi
Corriere della Sera, 31 luglio 2018
Nave Diciotti

Riccardo De Vito: «Ministro dell’Interno distante dai principi della Costituzione»

Per il presidente di Md, ancora una volta la vicenda dei migranti strumentalizzata per fini politici
Giustizia

Md: il ministro prenda distanze da dichiarazioni sottosegretario Morrone

Associazionismo dei magistrati e cultura giurisdizione siano sempre baluardo dei diritti fondamentali
Elezioni Csm

Sanlorenzo: «L’attacco del ministro ai magistrati va oltre ogni diritto di critica»

Intervista a Rita Sanlorenzo, candidata di Area contro Piercamillo Davigo alle elezioni del Csm. Un esponente delle istituzioni trasforma una questione privata come capo-partito in una questione istituzionale. Il Csm intervenga con una pratica a tutela dei colleghi (Il Manifesto)
Elezioni Csm

Giangiacomo: «Basta carrierismo: i magistrati devono fare un salto culturale…»

Parla Bruno Giangiacomo, presidente del Tribunale di Vasto e candidato per i giudici di merito per Area, alle elezioni per il rinnovo del Csm (Il Dubbio)