Md e Silp-Cgil bocciano manovra finanziaria

di Piergiorgio Morosini
"Gravi rischi per sicurezza e legalità"

ROMA - Con la manovra finanziaria approvata in questi giorni il Governo taglia per la quarta volta in tre anni le risorse per le forze di polizia e gli uffici giudiziari. Tagli di dimensioni senza precedenti in Italia, e lineari cioè indiscriminati, che colpiscono solo marginalmente gli sprechi, mentre rischiano di compromettere per lungo tempo due funzioni essenziali dello stato di diritto.

A tre miliardi di euro ammontano, infatti, i tagli per la sicurezza: 1 miliardo con la manovra del 2008, 650 milioni con quella del 2010, 500 milioni con quella del luglio di quest'anno e 850 con questa di settembre che ha effetti per il 2012 e 2013. Questo taglio di risorse, pari al 30% del bilancio del ministero dell'interno su questo versante, ha già prodotto un inevitabile ridimensionamento della capacità del sistema delle forze di polizia di rispondere alla domanda di sicurezza dei cittadini, ridimensionamento che solo parzialmente e per un breve periodo può essere compensato dall'impegno straordinario degli operatori. Ma il rischio maggiore è quello della perdita progressiva di conoscenza e capacità di controllo del territorio, che non potrà essere recuperata in tempi brevi senza investimenti all'altezza dei problemi infrastrutturali che oggi attanagliano le forze dell'ordine.

Sul versante della giustizia la non leggibilità dei bilanci e la scarsità delle informazioni non consente neppure di fare un calcolo approssimativo dell'incidenza dei tagli sul bilancio degli uffici giudiziari. Ma per comprendere la gravità della situazione è sufficiente verificare che le spese per l'innovazione sono quasi azzerate e che mancano i fondi per proseguire in quei progetti (dagli stagisti ai distacchi di personale da altre amministrazioni) che erano stati avviati per fronteggiare la drammatica carenza di personale amministrativo e di supporto all'attività dei magistrati. Già adesso molti uffici stanno riducendo le attività ordinarie e rinviando per carenza di risorse tutte quelle che non sono urgenti, con un calo verticale dei servizi ai cittadini e della stessa capacità di condurre efficacemente le indagini e i processi penali e civili.

Magistratura Democratica e Silp-Cgil giudicano grave la scelta del Governo di fare cassa smantellando irresponsabilmente quei settori dello Stato ai quali è affidato il compito primario di garantire il controllo di legalità e la sicurezza dei cittadini, funzioni peraltro essenziali per le possibilità di sviluppo del Paese e, quindi, di una sua rapida uscita dalla crisi.

Per questo annunciano la realizzazione di iniziative congiunte, che hanno l'obiettivo di denunciare i rischi di un grave abbassamento dei livelli di legalità, e quindi di democrazia, a causa delle scelte finanziarie e normative del Governo, come per le intercettazioni, e quello di sensibilizzare i cittadini, le forze sociali e politiche intorno all'esigenza di realizzare una grande campagna di difesa dei diritti delle persone e della civiltà giuridica del nostro Paese.


Magistratura democratica

Sindacato italiano lavoratori polizia - CGIL


20 settembre 2011
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.