Mancuso, "Impossibile valutazione

di Piergiorgio Morosini
Se ipotesi vere violato codice etico"

ROMA - Sulle notizie giornalistiche relative al procuratore Paolo Mancuso e sui presunti motivi del ritiro della proposta per la nomina a procuratore di Napoli, data l’attuale incertezza sui fatti e fermo il naturale diritto dell’interessato a chiarire e spiegare nelle sedi competenti le proprie ragioni, non è allo stato possibile formulare una valutazione esaustiva sul caso in questione.

Tuttavia, se dovesse essere confermata l’ipotesi giornalistica secondo cui l’interessato avrebbe richiesto l’intervento a personaggi delle istituzioni, notoriamente indagati o imputati per fatti gravi, per ottenere l’appoggio di alcuni membri laici del CSM per la nomina a procuratore della repubblica di Napoli, si sarebbe certamente di fronte ad una violazione del codice etico dei magistrati. L’art.10 del citato codice prevede, tra l’altro, che: “il magistrato che aspiri a promozioni, a trasferimenti, ad assegnazioni di sede e ad incarichi di ogni natura non si adopera al fine di influire impropriamente sulla relativa decisione, né accetta che altri lo facciano in suo favore”.

D’altronde, in linea di principio, va ribadito che  la trasparenza dei comportamenti e la credibilità dell’istituzione possono essere compromessi anche attraverso condotte, atteggiamenti, stili, modi di fare che non oltrepassano la soglia della illiceità disciplinare, e che tuttavia non sono tollerabili in una società democratica che affida alla giurisdizione la tutela di beni primari per gli individui e la collettività.

Piergiorgio Morosini (Segretario generale di Magistratura democratica)

3 maggio 2012
Ultimi articoli
Genova, 34° Congresso Anm

“La nuova sfida di fedeltà alla Costituzione”

di Mariarosaria Guglielmi
Dichiarazione di Santiago

MEDEL: l’impegno per promuovere la parità di genere

Amministrare la giustizia sapendo che esistono ancora disparità tra uomini e donne nella società e che gli stereotipi devono essere scardinati, anche all'interno della magistratura
L’indipendenza della nuova Sezione disciplinare della Corte suprema polacca

MEDEL sulla sentenza della Corte Europea di Giustizia del 19 novembre 2019

Il diritto a un giusto processo può essere garantito solo da tribunali indipendenti
Intervista

“Nessuno si salva da solo...”

Stefano Musolino, membro dell’Esecutivo nazionale di Md: “la Grande Chambre della Corte europea dei diritti dell'uomo ha stabilito che l’ergastolo ostativo previsto dal nostro ordinamento penitenziario è contrario al principio della dignità umana e viola l'art. 3 della Convenzione Europea sui Diritti dell'Uomo”

In memoria di Pino Airò

Magistratura Democratica lo ricorda attraverso le parole di due amici
Bulgaria

Dichiarazione di Medel sugli attacchi subiti dai giudici bulgari

Medel esprime il suo sostegno ai giudici e all’Associazione dei Giudici Bulgari per gli attacchi subiti dopo la pronuncia emessa a settembre dalla Corte di Appello di Sofia nel caso Jock Palfreeman