Iniziato lo sgombero del C.A.R.A. di Castenuovo di Porto
Centinaia di migranti trasferiti o lasciati in mezzo alla strada

Dichiarazione di Riccardo De Vito, Presidente di Magistratura  Democratica

 

 Il Decreto sicurezza, continua a produrre i suoi effetti deleteri e in contrasto con i principi di civiltà. Con un preavviso  di appena 48 ore, l'esercito è intervenuto per dare inizio allo sgombero dei  migranti ospitati nel  C.A.R.A. di Castelnuovo di Porto, il secondo più grande d'Italia dopo quello di Mineo. 300 rifugiati saranno traferiti in altre regioni d'Italia e distribuiti  non si sa in quali strutture. Seguirà poi lo sgombero dei titolari di protezione umanitaria, ormai eliminata dal Decreto e dunque almeno altre duecento persone si troveranno letteralmente sbattute in mezzo alla strada, non vedendosi più riconosciuto il diritto alla prima accoglienza. 

Lo smantellamento della struttura verrà completato entro il 31 gennaio, assicura il ministro Salvini. Come ha affermato il sindaco di Castelnuovo, si tratta della brusca interruzione di un’esperienza positiva di integrazione nel territorio dei migranti, che si vedranno costretti ad abbandonare i percorsi lavorativi avviati e bambine e bambini a interrompere i percorsi di studio già cominciati.

Non c’è dunque nessun problema di ordine pubblico, e tanto meno di sicurezza, a giustificare un simile intervento. Solo la volontà, già manifestatasi a Riace, di smantellare proprio quelle esperienze di integrazione che fanno capire come l’immigrazione non rappresenti affatto un pericolo per la nostra popolazione. Una simile logica calpesta i più elementari principi di solidarietà e i diritti sanciti dalla nostra Costituzione, proprio mentre a centinaia si lasciano affogare altri migranti in mare.  

23 gennaio 2019
Ultimi articoli
27 gennaio, Giornata internazionale della Memoria .

Md, il ricordo del passato per capire il presente

Come ogni anno, da quando fu indetta dall’Assemblea Generale dell’Onu il 1° novembre del 2005, si tiene il 27 gennaio la giornata internazionale della Memoria dedicata al ricordo dell’Olocausto
1
Minori stranieri non accompagnati.

I giudici scendono in campo: «Sono ragazzi da tutelare»

Intervista a Carlo Sorgi, segretario di Md per l’Emilia-Romagna (La Repubblica-Bologna, 14 dicembre 2018)
1
70° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani.

Turchia, l’appello in difesa dei diritti e dello Stato di diritto *

Per la Platform for an Independent Judiciary in Turkey, arresti, detenzioni arbitrarie e il diniego di un processo equo da parte di corti indipendenti e imparziali sono un fatto costante
1
Rassegna.

Nel nome dell’interesse dello Stato si fa a pezzi il principio di non colpevolezza

Intervista a Riccardo De Vito, presidente di Md (Il Manifesto, 7 novembre 2018)
1
Intervento.

Il ruolo della magistratura nella difesa delle garanzie

di Mariarosaria Guglielmi
Il garantismo: esigenza della giurisdizione, fondamento della sua indipendenza
1
Minori.

Prime riflessioni sul Ddl Pillon

di Giulia Marzia Locati
Dal superiore interesse del minore ad una visione adulto centrica delle relazioni familiari
1