G8 Genova

Alle parole di Gabrielli seguano fatti concreti e coerenti sulla gestione dei processi decisionali interni alle forze di polizia, dell’ordine pubblico e delle manifestazioni di piazza

ROMA - Apprezziamo le parole del Capo della Polizia Franco Gabrielli sui fatti di Genova.

Auspichiamo che ora alle parole seguano fatti concreti a partire dal consolidarsi di segnali di gestione dell'ordine pubblico e delle manifestazioni di piazza coerenti con quelle parole.

Per tutti i cittadini un importante terreno di verifica dell’effettivo processo di democratizzazione delle forze di polizia sarà rappresentato dalle decisioni che verranno assunte in relazione alla possibilità che vengano reintegrati i dirigenti condannati.

Nel confermare il giudizio del tutto negativo sulla legge introduttiva (L. 110/17) di un reato di tortura spogliato dei suoi elementi essenziali e distante dal testo della Convenzione ONU, riteniamo necessaria l'urgente introduzione nell'ordinamento di quegli strumenti idonei a prevenire, a reprimere e a indagare su quel reato: primo fra tutti, come rilevato dallo stesso Gabrielli, l'adozione dei codici identificativi delle polizie.

Siamo consapevoli che, in questa epoca di tensioni sociali, di svuotamento della democrazia rappresentativa e di criminalizzazione del dissenso e della solidarietà, l'ordine pubblico rischia di divenire la camera di compensazione di conflitti non risolti sul piano del riconoscimento dei diritti e dello stato sociale.

Occorreranno, anche da parte della magistratura, risposte orientate dalla legalità costituzionale.

Magistratura democratica, 21 luglio 2017

21 luglio 2017
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Senza paura. Nel nome della sicurezza e dei diritti si approvi la riforma

L’appello di Md e Antigone a tutte le forze politiche
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti