Fuori ruolo

"Previsioni governo aggravano disorientamento cittadini"

La legge n. 190 del 2012 sulla “prevenzione e repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione” aveva delegato il Governo ad integrare l’elenco degli incarichi “apicali e semiapicali” che i magistrati “ordinari, amministrativi, contabili e militari” possono svolgere presso istituzioni, organi ed enti pubblici soltanto a condizione di essere collocati fuori del ruolo organico della magistratura di appartenenza (cioè di non svolgere contemporaneamente anche le funzioni giudiziarie), e aveva anche previsto un termine massimo, sia pure assai ampio (dieci anni), di durata del collocamento fuori ruolo.

Lo schema di decreto legislativo deliberato dal Consiglio dei ministri in esecuzione della delega, oltre a disporre la dovuta integrazione dell’elenco degli incarichi da svolgere obbligatoriamente fuori ruolo, dispone anche, al di là delle previsioni della legge di delega, che tutti gli incarichi da svolgere fuori ruolo possano, in alternativa, essere svolti anche in aspettativa senza assegni, ai sensi dell’art. 23 bis del decreto legislativo n. 165 del 2001, e che, collocati in aspettativa, i magistrati possano anche ricoprire “cariche apicali o semiapicali presso organi o enti partecipati o controllati dallo Stato”.

L’aspettativa di cui al richiamato art. 23 bis non solo comporta, come tutte le aspettative, la conservazione del posto di magistrato, ma neppure pregiudica, grazie a una norma speciale ad hoc (l'art. 1, comma 578, della legge n. 296 del 2006), l’anzianità di servizio.

 La conseguenza è che anche l’ampio termine massimo decennale della destinazione del magistrato a funzioni non giurisdizionali viene, nei fatti, clamorosamente aggirato.

Benché il Consiglio Superiore della Magistratura si sia sinora giustamente imposto, per quanto riguarda la magistratura ordinaria, criteri di estremo rigore quanto all’autorizzazione delle aspettative in questione, riteniamo che il Governo farebbe bene a rimeditare dette previsioni, eccedenti la delega legislativa e pericolose per l’indipendenza e imparzialità della magistratura – di tutte le magistrature.

L’ampliamento dell’ambito di esercizio di attività amministrative da parte di magistrati, infatti, aggrava il disorientamento dei cittadini di fronte alla commistione tra funzioni e ruoli che andrebbero invece tenuti nettamente distinti (salvi i casi, invero non numerosi, in cui il temporaneo svolgimento di funzioni amministrative da parte di magistrati sia di effettivo giovamento per l’amministrazione pubblica e per la formazione professionale del magistrato); aggrava, altresì, il fenomeno dello sviluppo di “carriere parallele” di magistrati all’ombra del potere politico. Di tutto questo la magistratura e il Paese non hanno – specie in questo difficile momento – alcun bisogno.

8 marzo 2013 - Il Comitato esecutivo di Magistratura democratica

8 marzo 2013
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.