Magistratura e antifascismo

Dove ci porteranno le accuse di parzialità rivolte alla magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
Le accuse di parzialità rivolte ai magistrati minano alle basi la fiducia riposta dalla collettività nella Giustizia e spianano, così, la strada a riforme finalizzate a sottoporre la magistratura al controllo dell’esecutivo e degli autocrati di turno. È questa la direzione, molto pericolosa, che si intraprende quando si decide di fare terra bruciata intorno ad un'Istituzione della democrazia, accusandola di agire contro la democrazia.

È comparso ieri sul quotidiano “Il Giornale” un articolo che ha attaccato pesantemente il collega Eugenio Albamonte in quanto Pubblico Ministero che conduce le indagini sull’occupazione abusiva di un immobile da parte di CasaPound.

Nell’articolo si riportano dichiarazioni virgolettate di esponenti di CasaPound che lanciano esplicite accuse di “parzialità” al magistrato, di cui si chiede la sostituzione con altro PM, perché “simpatizzante dei partigiani”: le sue opinioni “politiche” lo avrebbero quindi indotto ad un uso strumentale delle proprie funzioni e ad attivare indagini per attaccare un “avversario politico”.

Oggi le dichiarazioni dell’Onorevole Gasparri, sullo stesso quotidiano, preannunciano una interrogazione parlamentare, rilanciando l’attacco: l’accusa al collega, tanto grave quanto generica, è di essere stato “negligente” nel trattare una denuncia presentata dall’Onorevole per i numerosi messaggi di insulti ricevuti sui social, e di avere questa volta omesso di fare quanto dovuto sempre per finalità politiche, non essendo l’Onorevole Gasparri un appartenente “all’associazione partigiani”.

All’Onorevole Gasparri e a chi accusa giudici e PM di essere parziali perché “antifascisti” dobbiamo ricordare che tutti i magistrati hanno giurato sulla nostra Costituzione, nata dalla resistenza e dalla sconfitta della dittatura fascista, e che la nostra Associazione, costretta a sciogliersi dal fascismo che perseguitò i suoi dirigenti, rinacque e si ricostituì dopo la fine della dittatura fascista.

All’Onorevole Gasparri e a chi accusa giudici e PM di essere parziali perché “antifascisti”, dobbiamo ricordare che la nostra democrazia è viva perché sono vivi nella coscienza collettiva, nella coscienza dei singoli e nelle Istituzioni, tutti i valori della nostra Costituzione democratica antifascista.

Ma lanciare accuse gravi di “parzialità”, pretendendo di ridurre ad un interesse di parte o personale persino la condivisione dei valori fondanti della nostra democrazia antifascista, mira non solo a screditare il lavoro dei PM e, inevitabilmente, dei giudici che decidono sulle loro richieste. L’obiettivo è delegittimare le funzioni che sono assegnate alla magistratura in ogni Stato di diritto. Sull’esempio di quello che è accaduto e sta accadendo in altri paesi europei, come la Polonia e la Bulgaria, i magistrati sono accusati di perseguire finalità politiche e di asservire a queste finalità le loro funzioni.

L’obiettivo è togliere legittimazione alle loro decisioni perché prive del requisito primo del giudicare rappresentato dall’imparzialità, e spianare la strada alle riforme finalizzate a sottoporre la magistratura al controllo dell’esecutivo e degli autocrati di turno.

È una direzione molto pericolosa quella che si intraprende quando si decide di far terra bruciata intorno ad un’istituzione della democrazia, accusandola di agire contro la democrazia.

È una via senza ritorno quella che oggi rischiamo di imboccare trasformando il necessario dibattito pubblico sui fatti emersi dalle indagini perugine, e la sacrosanta richiesta alla magistratura di rendere conto delle degenerazioni accertate, in un regolamento di conti che può travolgere l’equilibrio democratico del nostro paese.

Le accuse di parzialità che oggi riguardano i PM, domani travolgeranno i giudici, minando alle basi la fiducia della collettività nella Giustizia: accuseremo di essere “fascisti” i giudici che assolveranno persone indagate dai PM accusati di essere “antifascisti”? Dietro ogni decisione ci sarà un giudice o un PM condizionato dalle sue opinioni, incapace di svolgere le sue funzioni nel rispetto assoluto del proprio dovere di imparzialità?

E quando nessun giudice sarà più legittimato ad emettere sentenze in nome del Popolo Italiano, perché dietro le sue decisioni vedremo sempre un interesse personale o convincimento di parte; quando la Giustizia non si potrà più amministrare nei Tribunali perché non ci saranno più giudici e PM legittimati a farlo, chi deciderà sui diritti e sulla libertà delle persone?

Come per qualsiasi rogo acceso in piazza, sia essa fisica o mediatica, il rischio è che prima o poi nessuno sarà in grado di domarlo.

E che a bruciare, insieme ai Tribunali, sarà tutta la città.

7 giugno 2020
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.