DL 168/2016: Md al fianco dei giovani magistrati

"Si scaricano su di loro le difficoltà del sistema"

Esprimiamo il nostro pieno  sostegno  all’istanza dei magistrati di prima nomina e con le nostre parole vorremmo dare ancora più forza alla loro voce.

Lo facciamo come comitato esecutivo di Magistratura Democratica, in sintonia con le ferme critiche già espresse da Area sul decreto legge 168/2016, ma questo comunicato, a differenza degli altri, desideriamo firmarlo tutti, con i nostri nomi. I nomi di magistrati di ogni generazione che, nel riaffermare la loro distinzione solo per funzioni, chiedono all’ANM di proseguire e di intensificare le iniziative avverso il decreto.

Non è tollerabile che la politica, ancora una volta senza alcuna vera interlocuzione con  l’Associazione Nazionale Magistrati, si sottragga a scelte incisive per il funzionamento della giustizia scaricando sulle spalle dei colleghi più giovani le difficoltà del sistema e nel contempo strizzando l’occhio  a chi ricopre incarichi di vertice; né è tollerabile che ancora una volta scelga lo strumento della decretazione d’urgenza per intervenire in alcune  opinabili  materie, quando importanti riforme attese per anni sono state rinviate, per poi finire in binari morti…

L’innalzamento del termine di legittimazione al trasferimento da tre a quattro anni per i magistrati di prima nomina non comporta vantaggi sostanziali in termini di efficienza, ma incide pesantemente sulle aspettative e sulle scelte di vita di persone destinate a sedi difficili, delicate ed esposte a rischi. Così come incide negativamente sul diritto di questi stessi giovani colleghi ad avere un periodo congruo di formazione professionale prima di assumere le funzioni giurisdizionali la riduzione del periodo di tirocinio da 18 a 12 mesi.

Non è egualmente condivisibile la scelta contenuta nel decreto di trattenere in servizio i vertici della Cassazione con un secondo decreto di proroga. Ed anche l’eventuale estensione della proroga a tutti gli altri direttivi non renderà politicamente opportuna una scelta che sin dall’inizio (nel 2014, allorché è stata decisa la riduzione dell’età per il collocamento a riposo dei magistrati) non doveva essere fatta attraverso lo strumento della decretazione d’urgenza e senza ponderare le ricadute sulla funzionalità complessiva del sistema.

Con il decreto legge 168/2016 il Governo avoca a sé la decisione sull’avvicendamento dei vertici della magistratura di legittimità, dei due componenti di diritto del Consiglio Superiore e di due dei tre componenti del suo Comitato di Presidenza, penalizza i giovani magistrati, inocula i germi di una frattura tra magistrati di legittimità e magistrati di  merito, nonché tra generazioni di magistrati.

Il dissenso della magistratura deve essere forte e compatto su tutti quegli aspetti del decreto che mortificano il suo governo autonomo e le giuste esigenze dei giovani magistrati e nulla apportano in termini di efficienza del sistema giustizia.

Carlo De Chiara, Riccardo De Vito, Daniela Galazzi, Mariarosaria Guglielmi, Gaetano Paci, Stefano Pesci, Egle Pilla, Luca Poniz, Simona Ragazzi, Luca Semeraro


(27 settembre 2016)

 

27 settembre 2016
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore