"Discutibile nel merito la scelta del CG di Catanzaro

Area promuova esame da parte del Csm"

ROMA - La scelta, effettuata a maggioranza, dal Consiglio Giudiziario di Catanzaro in riferimento alla sostituzione di un componente cessato dalla carica appare discutibile nel merito.

L'interpretazione accolta dal Consiglio - peraltro difforme da una recente risoluzione del CSM - è infatti incoerente con lo spirito della norma in quanto penalizza gli esiti del confronto elettorale che la legge vuole imperniato sulla presentazione di liste contrapposte e, quindi, sul consenso raccolto da candidati che si riferiscono a specifici orientamenti ideali.

Chiediamo pertanto ai rappresentanti di AREA di promuovere un'immediato esame della vicenda da parte del CSM.

L'esecutivo nazionale di Magistratura Democratica
(22 Settembre 2012)

22 settembre 2012
Ultimi articoli
Ricordando Walter.

Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta

Oggi al duomo di Monza una folla di donne e di uomini ha salutato Walter Mapelli, Procuratore della Repubblica di Bergamo che ci ha lasciato l’8 aprile, dopo una lunga malattia
Polonia.

Il messaggio dei giudici polacchi aderenti a Iustitia

La testimonianza dell’impegno a contrastare la crisi dello Stato di diritto
21 marzo: Giornata della Memoria e dell’Impegno per le vittime di mafie.

Dare un senso all’impegno

di Stefano Musolino
Un giorno per rammentare il senso dell’operare e gettare nuove basi per una più efficace azione di contrasto alle mafie
Rassegna.

Ezia Maccora «Più attenzione alle parole usate nelle sentenze»

L’intervista al Corriere della Sera a cura di Fiorenza Sarzanini, 14 marzo 2019
Romania.

Crisi dello Stato di diritto in Romania

La dichiarazione di Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et Les Libertés) sulla crisi dello stato di diritto in Romania e sulle riforme avviate nel 2017 che mettono a rischio l’indipendenza del sistema giudiziario e l’azione di contrasto al fenomeno della corruzione
Rassegna.

Mariarosaria Guglielmi: «Difendiamo i diritti, non siamo avversari politici del Governo»

L’intervista a Il Manifesto, 5 marzo 2019