Diaz, ritardo atti in Cassazione

"Si rischia prescrizione dei reati"

GENOVA - Pubblichiamo il documento approvato dalla sezione ligue di Md per sottolineare il ritardo nella trasmisisone alla Corte di Cassazione degli atti del procedimento relativo ai fatti verificatisi presso la Scuola Diaz, subito dopo la conclusione del vertice G8 tenutosi a Genova nel luglio del 2001. Un ritardo che rischia di avviare tutti i reati verso la prescrizione.

Sono passati ormai quindici mesi dal deposito della sentenza d’appello relativa ai fatti verificatisi a Genova presso la scuola Diaz nella notte tra il 21 e il 22 luglio del 2001 (quando il vertice G8 tenutosi  in quei giorni nella nostra città si era appena concluso),  e dobbiamo constatare che -  a causa delle difficoltà incontrate dalla cancelleria della locale Corte d’Appello nel notificare alle parti la sentenza e i ricorsi - gli atti del processo non sono stati ancora trasmessi alla Corte di Cassazione. Non può sfuggire a nessuno che un tale notevole ritardo rischia di avviare tutti i reati  oggetto del giudizio verso la prescrizione, il che è particolarmente grave se si considera che in quel procedimento alti funzionari dello Stato sono stati accusati di aver commesso delitti in danno di cittadini inermi e che tra questi delitti vi sono anche la  calunnia e il falso: reati  che, se commessi da rappresentanti delle Forze dell’Ordine, comportano lo sviamento dai fini istituzionali delle delicatissime funzioni pubbliche che agli stessi sono assegnate.  

A ciò deve aggiungersi che - come più volte affermato dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo - ogni Stato aderente alla Convenzione deve adoperarsi affinché i giudizi penali aventi ad oggetto maltrattamenti commessi dai propri rappresentanti nell’esercizio delle loro funzioni non siano soggetti a prescrizione e non possano essere coperti da provvedimenti di amnistia ed indulto. Secondo la Corte di Strasburgo, infatti, perché i cittadini possano riporre fiducia nello Stato e il patto tra i consociati sia salvaguardato è di fondamentale importanza che eventuali lesioni dei diritti poste in essere dai rappresentanti delle istituzioni abbiano una sanzione effettiva. I ritardi incontrati nelle notifiche sono l’ennesima conferma dell’inadeguatezza del nostro sistema processuale ad affrontare e portare ad effettiva conclusione procedimenti di così rilevante complessità. 

Non possiamo tuttavia ignorare - pur considerando i vuoti di organico che da sempre affliggono la cancelleria della Corte d’Appello di Genova – che un ritardo simile è certamente dipeso anche da carenze organizzative. Non sono stati infatti esplicitamente indicati al personale amministrativo criteri di priorità tali da garantire che la trasmissione degli atti alla Corte di Cassazione sia tanto più tempestiva quanto più è prossimo il decorso del termine prescrizionale e non è stata prevista alcuna forma di impulso o controllo sulle attività di notifica da parte dei magistrati.  

Tali carenze organizzative hanno condotto nel caso che ci occupa a risultati paradossali: ad oltre un anno dal deposito della sentenza di secondo grado, risultano non ancora eseguite notificazioni che nei precedenti gradi di giudizio erano state perfezionate in poco più di cinque mesi e ciò avviene in un procedimento che non vede imputate persone irreperibili o di incerta identificazione, bensì alti funzionari dello Stato della cui concreta reperibilità non si può ragionevolmente dubitare.  

Il tema della necessaria imprescrittibilità dei reati oggetto del procedimento e la necessità di adoperarsi affinché la prescrizione non possa maturare è stato ben presente alla Procura Generale che ha impugnato la sentenza di secondo grado anche con riferimento alle già avvenute dichiarazioni di prescrizione, prospettando l’illegittimità costituzionale delle norme che le hanno consentite per contrasto con l’art. 117 comma 1 della Costituzione e con l’art. 3 della Carta Europea dei Diritti dell’Uomo Ed infatti, già ad aprile, il Procuratore Generale, preso atto delle lentezze e delle difficoltà nelle notifiche,  chiese al Presidente della Corte d’Appello di attivarsi affinché la relativa procedura fosse rapidamente portata a conclusione.

Non ci è noto quali concrete iniziative siano state adottate all’esito di tale sollecitazione. Dobbiamo però constatare che da aprile ad oggi sono passati ancora sei mesi, che nonostante questo - secondo quanto il Presidente della Corte d’Appello ha dichiarato alla stampa - “mancano ancora 15 ricevute di notifiche”, eppure, incredibilmente, si sostiene che c’è solo da “aspettare” e ci si spinge a concludere che “tutto ciò che doveva  essere fatto, è stato fatto”.  

Quanto avvenuto è invece a nostro giudizio allarmante, non soltanto perché, atteso il rilievo che la stampa nazionale ed internazionale ha attribuito alla vicenda, era necessario sgombrare il campo dal sospetto (che riteniamo infondato, ma tuttavia da più parti è stato comprensibilmente avanzato) che un simile ritardo possa essere stato intenzionale e determinato dalla volontà di favorire gli imputati in ragione della loro qualifica di alti funzionari dello Stato ancora oggi in servizio; ma soprattutto perché - a fronte dei principi cogenti autorevolmente affermati dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo – sarebbe stato doveroso adoperarsi con ogni mezzo per evitare il decorso dei termini di prescrizione, del quale lo Stato Italiano potrà essere chiamato a rispondere di fronte a quello stesso  Supremo Collegio.  

Auspichiamo pertanto che ogni difficoltà sia rapidamente superata e si garantisca il regolare svolgimento del giudizio di legittimità. Ogni lesione del diritto, infatti, da chiunque commessa, deve poter avere una risposta giurisdizionale efficace, rigorosa e credibile ed è compito della magistratura tutta adoperarsi perché ciò avvenga. Tale compito diventa un dovere ineludibile quando profili di devianza - tanto più se oggetto di una condanna, anche non definitiva - emergano a carico di rappresentanti di quelle Istituzioni che sono preposte per legge alla tutela dello Stato di Diritto e dell’ordine democratico. 

LA SEZIONE LIGURE DI MAGISTRATURA DEMOCRATICA

3 novembre 2011
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Senza paura. Nel nome della sicurezza e dei diritti si approvi la riforma

L’appello di Md e Antigone a tutte le forze politiche
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti