Comunicato

Voto Csm non è ipoteca su future decisioni della Cassazione

ROMA - Alcuni commenti politici o giornalistici sulle vicende di ieri in materia di giustizia hanno messo sullo stesso piano le nomine delle Presidenze di Commissioni parlamentari e la votazione del Csm che ha designato il dr. Giorgio Santacroce alla Presidenza della Corte di cassazione.  
 
Si tratta di fuorvianti semplificazioni, che, senza tener conto delle specifiche professionalità e qualità  dei candidati e del contenuto delle  proposte approdate in Plenum, finiscono per appiattire le scelte del Csm su logiche proprie della politica dei partiti, rivelando l’incapacità di cogliere la specificità del pluralismo dei giudici, che costituisce la ricchezza della giurisdizione, e la strutturale complessità di amministrazione della giurisdizione da parte del Csm.
 
Va, poi, respinta come inaccettabile e offensiva per tutta la  Corte e suoi singoli componenti, a partire dal Primo Presidente, la rappresentazione delle votazioni di Palazzo dei Marescialli come un’ipoteca sull'esito delle future decisioni della Cassazione.
 
Senza nascondere i rischi e le difficoltà della stagione che vivono le istituzioni e il Paese, i magistrati di merito e quelli di legittimità sapranno tenere fermi e far vivere nella realtà quotidiana la separazione dei poteri e l'indipendente esercizio della giurisdizione, nel pieno rispetto della pari dignità di tutte le funzioni giudiziarie e del principio di uguaglianza dei cittadini.

Anna Canepa segretario generale Magistratura democratica

Luigi Marini   presidente Magistratura democratica

(9 maggio 2013)

9 maggio 2013
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore