Comunicato Stampa sul D.D.L. Gasparri-QuagliarIello

di Piergiorgio Morosini
"Ennesimo tentativo di intimidire magistratura"

ROMA - "Facciamo appello alle coscienze critiche del circuito forense e del mondo accademico per denunciare le derive autoritarie di certe iniziative politiche. Il d.d.l. Gasparri-Quagliariello è l’ennesimo tentativo di delegittimare e intimidire la magistratura. Svela una matrice culturale che mira a distruggere gli equilibri istituzionali previsti dalla Costituzione, questa volta colpendo la manifestazione del pensiero del massimo organo di autogoverno dei magistrati.

Oggi le cosiddette “pratiche a tutela” permettono al CSM di difendere la serenità dei magistrati in funzione della credibilità del servizio giustizia. Serenità che si pone a garanzia di tutti, in particolare delle persone più deboli. La “sostanziale” cancellazione delle “pratiche a tutela” espone il pubblico ministero e il giudice agli attacchi ingiustificati o addirittura strumentali di chiunque sia destinatario di decisioni non gradite. E’ una misura che, nel favorire le ormai quotidiane condotte “intimidatorie” nei confronti dei magistrati, esprime la medesima filosofia di fondo del progetto di modifica della responsabilità civile.

E’ irresponsabile, inoltre, la previsione che vieta al CSM di fornire pareri su leggi che riguardano la giustizia, fatta salva l’esplicita richiesta del Ministro. In nome della sistematica demonizzazione del dissenso rispetto alle scelte della maggioranza politica, si rinuncia alla leale cooperazione tra istituzioni in vista di una maggiore funzionalità del servizio giustizia".


Pierluigi Morosini (segretario di Magistratura Democratica)

1 maggio 2011
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Senza paura. Nel nome della sicurezza e dei diritti si approvi la riforma

L’appello di Md e Antigone a tutte le forze politiche
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti