Comunicato Stampa sul D.D.L. Gasparri-QuagliarIello

di Piergiorgio Morosini
"Ennesimo tentativo di intimidire magistratura"

ROMA - "Facciamo appello alle coscienze critiche del circuito forense e del mondo accademico per denunciare le derive autoritarie di certe iniziative politiche. Il d.d.l. Gasparri-Quagliariello è l’ennesimo tentativo di delegittimare e intimidire la magistratura. Svela una matrice culturale che mira a distruggere gli equilibri istituzionali previsti dalla Costituzione, questa volta colpendo la manifestazione del pensiero del massimo organo di autogoverno dei magistrati.

Oggi le cosiddette “pratiche a tutela” permettono al CSM di difendere la serenità dei magistrati in funzione della credibilità del servizio giustizia. Serenità che si pone a garanzia di tutti, in particolare delle persone più deboli. La “sostanziale” cancellazione delle “pratiche a tutela” espone il pubblico ministero e il giudice agli attacchi ingiustificati o addirittura strumentali di chiunque sia destinatario di decisioni non gradite. E’ una misura che, nel favorire le ormai quotidiane condotte “intimidatorie” nei confronti dei magistrati, esprime la medesima filosofia di fondo del progetto di modifica della responsabilità civile.

E’ irresponsabile, inoltre, la previsione che vieta al CSM di fornire pareri su leggi che riguardano la giustizia, fatta salva l’esplicita richiesta del Ministro. In nome della sistematica demonizzazione del dissenso rispetto alle scelte della maggioranza politica, si rinuncia alla leale cooperazione tra istituzioni in vista di una maggiore funzionalità del servizio giustizia".


Pierluigi Morosini (segretario di Magistratura Democratica)

1 maggio 2011
Ultimi articoli
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019
In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

di Edmondo Bruti Liberati
In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo
In ricordo

Per Salvatore Senese

di MD Toscana
Il vuoto lasciato dalla sua scomparsa non è di quelli che possano essere facilmente colmati. Non lo sarebbe stato in nessuna fase della vita di Magistratura democratica. Ma oggi, con tutto quello che sta succedendo, è facile capire che quel vuoto rimarrà per molto tempo ad ammonirci
In ricordo

Salvatore Senese, la sua lezione di fronte allo squallore di oggi

Proponiamo il brano di Luigi Ferrajoli pubblicato da il manifesto del 18 giugno 2019.

Nelle sue parole, il miglior antidoto alla demagogia di chi chiede il dissolvimento delle associazioni e, così facendo, impedisce un reale cambiamento delle stesse o propone di cambiare tutto per non cambiare niente. (L’Esecutivo nazionale di Magistratura democratica)