Comunicato stampa Morosini su applausi Thyssen

di Piergiorgio Morosini
"Applausi sconcertanti, morire di lavoro è tragica realtà"

ROMA - "Morire di lavoro"  in Italia continua ad essere una tragica realtà che deve, in ogni sede e in ogni momento, sollecitare il senso di responsabilità di tutti i protagonisti del mondo lavorativo: imprenditori, lavoratori, organizzazioni sindacali, organi di vigilanza e magistratura. Sono sconcertanti gli applausi rivolti all'amministratore delegato della Thyssen condannato in primo grado per omicidio doloso in occasione del meeting della Confindustria.

Certe manifestazioni costituiscono un dato allarmante e non tollerabile in una società che riconosca nel lavoro il fondamento dello Stato e l'espressione della libertà e dignità delle persone. Dimostrano lo scarso rispetto per l'operato della magistratura, peraltro con il rischio di assimilazione alla campagna anti-toghe orchestrata ad arte da alcune componenti politiche. E provano la ridotta sensibilità verso l'impianto normativo in difesa della vita e della dignità dei lavoratori, nonostante i dati Inail, solo nel 2010, registrino inItalia 980 morti sul lavoro, oltre le invisibili morti bianche.

La lettura di questioni complesse, come quelle affrontate dalla sentenza torinese, solo in termini di colpo alla libertà di impresa e alla possibilità di investimenti futuri da parte di capitali stranieri in Italia rappresenta una forte regressione culturale nel modo di concepire le relazioni industriali. Si è persa una occasione per interrogarsi sul modo di coniugare oggi sviluppo d'impresa, innovazioni tecnologiche, sicurezza e dignità sui luoghi di lavoro, in un momento in cui per tante persone il rischio di disoccupazione non lascia alternative e viene sostanzialmente espropriato il diritto di discutere all'interno dell'azienda se ci siano strade meno rischiose per la salute del singolo.


Piergiorgio Morosini, Segretario Generale di Magistratura Democratica

30 maggio 2011
Ultimi articoli
Ricordando Walter.

Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta

Oggi al duomo di Monza una folla di donne e di uomini ha salutato Walter Mapelli, Procuratore della Repubblica di Bergamo che ci ha lasciato l’8 aprile, dopo una lunga malattia
Polonia.

Il messaggio dei giudici polacchi aderenti a Iustitia

La testimonianza dell’impegno a contrastare la crisi dello Stato di diritto
21 marzo: Giornata della Memoria e dell’Impegno per le vittime di mafie.

Dare un senso all’impegno

di Stefano Musolino
Un giorno per rammentare il senso dell’operare e gettare nuove basi per una più efficace azione di contrasto alle mafie
Rassegna.

Ezia Maccora «Più attenzione alle parole usate nelle sentenze»

L’intervista al Corriere della Sera a cura di Fiorenza Sarzanini, 14 marzo 2019
Romania.

Crisi dello Stato di diritto in Romania

La dichiarazione di Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et Les Libertés) sulla crisi dello stato di diritto in Romania e sulle riforme avviate nel 2017 che mettono a rischio l’indipendenza del sistema giudiziario e l’azione di contrasto al fenomeno della corruzione
Rassegna.

Mariarosaria Guglielmi: «Difendiamo i diritti, non siamo avversari politici del Governo»

L’intervista a Il Manifesto, 5 marzo 2019