Comunicato

Md su sentenza Eternit

La vicenda Eternit lascia sgomenti non tanto per l'esito processuale, quanto per l’infinita lista dei morti di amianto e per la tragedia delle tante famiglie coinvolte.

Tre gradi di giudizio, celebrati con una velocità esemplare, considerando la complessità e il numero delle persone coinvolte come parti civili, non sono serviti per arrivare a una sentenza che dia risposte e risarcimenti adeguati alle tante vittime e ai loro familiari.

Anche oggi abbiamo avuto la conferma che il processo penale non è sempre lo strumento più adeguato per l'accertamento di condotte sicuramente gravissime, che, in questo caso hanno devastato e continuano a devastare intere comunità per dissennate politiche industriali.

I magistrati della Cassazione chiariranno i passaggi fondamentali del percorso logico che li ha portati alla decisione e che verrà esplicitata nella successiva motivazione. Così come è giusto attendere l’esito delle ulteriori indagini per accertare eventuali responsabilità penali.

Ma l’esigenza di giustizia dei lavoratori esposti all’amianto non riguarda soltanto i procedimenti penali. Spetta al giudice civile e al giudice previdenziale garantire l’applicazione delle regole di giudizio per risarcire le vittime e le loro famiglie.

Spetta alle autorità amministrative e di controllo evitare che le ragioni della produzione e dello sviluppo economico prevalgano sulla tutela della salute individuale e collettiva.

Spiace, infine, che la politica si accorga solo oggi e solo dopo il clamore destato dalla sentenza, dell’importanza della riforma in materia di prescrizione nonostante le ripetute sollecitazioni della magistratura associata in questi ultimi anni.


Il Comitato Esecutivo di Magistratura democratica


(20 novembre 2014)

20 novembre 2014
Ultimi articoli
Polonia.

WeDisagree. La voce dei giuristi polacchi

Il video raccoglie le voci dei giuristi polacchi, che esprimono la loro opposizione a quello che sta succedendo il Polonia: “la nostra comune casa democratica viene smantellata da coloro che sono al potere, pezzo dopo pezzo, in violazione della nostra Costituzione e dello stato di diritto”
Sulla proposta di riforma.

Separazione delle carriere: a rischio l’indipendenza del Pubblico ministero

La riforma è contraria ai principi affermati in ambito europeo che incoraggiano l'autonomia del pubblico ministero come presupposto dell'indipendenza di tutto il potere giudiziario, per una giustizia equa, imparziale ed efficiente
Polonia.

Nuova procedura di infrazione per le riforme sulla giustizia

di Mariarosaria Guglielmi
Dichiarazione di Medel sulla procedura d’infrazione della Commissione Europea contro la Polonia per il nuovo sistema disciplinare dei magistrati, contrario al principio di indipendenza della magistratura
Liberazione.

Il senso dell’unità antifascista e costituzionale del 25 aprile

La giornata della memoria antinazista e antifascista assume quest’anno un significato più forte, come risposta a quanti in Italia e in Europa predicano teorie contrarie alla nostra Costituzione e rivendicano scelte di negazione dei diritti
Ricordando Walter.

Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta

Oggi al duomo di Monza una folla di donne e di uomini ha salutato Walter Mapelli, Procuratore della Repubblica di Bergamo che ci ha lasciato l’8 aprile, dopo una lunga malattia
Polonia.

Il messaggio dei giudici polacchi aderenti a Iustitia

La testimonianza dell’impegno a contrastare la crisi dello Stato di diritto