Comunicato

L'autogoverno che vogliamo

"No a logiche di appartenenza"

Le mail che Paolo Carfì, Franco Cassano e Francesco Vigorito hanno diffuso spiegano l’evoluzione dei fatti di cui si è parlato molto in questi giorni e consentono una prima ragionata riflessione.

Prendiamo atto che si ribadisce il rifiuto di un certo modello di autogoverno ispirato non alla valutazione dei profili professionali e personali dei candidati, ma all’appartenenza ovvero a rapporti personali.  

Al di là delle prese di posizione dei consiglieri, quanto è accaduto deve comunque costituire l'occasione per una verifica dei principi e delle prassi dell’autogoverno.

La sfiducia diffusa nei confronti dei meccanismi di funzionamento deve trovare una risposta all’altezza dei compiti che la Costituzione affida all’organo di autogoverno e ai bisogni della giurisdizione. Occorre perseguire percorsi di selezione trasparenti che emarginino tutte le forme improprie di condizionamento.

Per questo chiediamo ai magistrati che operano nell’autogoverno, locale e centrale, di assumere come priorità una chiara scelta in favore della trasparenza e del rifiuto di ogni logica di appartenenza e di evitare che le loro valutazioni siano e appaiano condizionate dall’esterno. Allo stesso tempo chiediamo a tutti i magistrati che si riconoscono in Area di incarnare nella quotidianità dei loro comportamenti quel patrimonio di valori e di esperienze su cui fondiamo la nostra idea di autogoverno; e, dunque, di sottoporsi alle valutazioni che li riguardano attendendo con serenità le decisioni istituzionali ed affidandosi al rispetto delle regole, senza ricercare scorciatoie collegate all'appartenenza o ai rapporti di natura personale.

A differenza di altri contestatori delle appartenenze altrui, non intendiamo difendere in nessun caso chi pratica metodi di valutazione che non si basano sulle qualità personali e professionali dei candidati. E abbiamo il dovere di discutere di tutto questo anche in modo pubblico, come stiamo facendo senza ipocrisie, convinti che la dialettica trasparente sia utile al miglioramento di tutti.

La prima assemblea nazionale di Area del 30 novembre-1dicembre sarà un'occasione per confrontarci e riflettere insieme sul tema non solo per ribadire i principi ma per elaborare anche concrete modalità di controllo e verifica delle prassi.

A tutti, i rappresentati e i rappresentanti di Area, chiediamo con forza di rendere riconoscibili questi valori, perché è soltanto su queste basi che intendiamo, insieme, costruire Area".

 

Il Segretario del  movimento per la giustizia –art.3

L’esecutivo di MD

(27 novembre 2012)

27 novembre 2012
Ultimi articoli
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.