Caso Nisman

Solidarietà a giudici e pm argentini

Magistratura democratica, esprime tutta la propria solidarietà ai giudici e ai pubblici ministeri argentini e manifesta il proprio sostegno alla manifestazione con cui sarà onorata la memoria del magistrato Alberto Nisman.

La cause della sua morte, avvenuta in circostanze oscure a soltanto un giorno dalla sua audizione davanti al Senato della Nazione in relazione a fatti che riguardano le massime autorità del Paese, debbono essere chiarite al più presto anche al fine di tutelare i valori della democrazia, della Repubblica e della indipendenza dell’amministrazione della giustizia.

Chiede alla Asociación Civil Justicia Democrática di far pervenire nelle forme opportune questo comunicato a tutti i giudici e pubblici ministeri argentini.


Di seguito la versione spagnola:

Magistratura Democrática Italiana hace llegar su solidaridad a jueces y fiscales de la República Argentina y apoya su manifestación con el fin de honrar la memoria del fiscal Alberto Nisman. La muerte de un magistrado en dudosas circunstancias, a un día de su declaración ante el Senado de la Nación, por la denuncia contra las más altas autoridades argentinas, impone su más pronto esclarecimiento  con el fin de preservar los valores republicanos y democráticos y la administración de justicia independiente. Solicita a través de la Asociación Civil Justicia Democrática difunda este comunicado a los jueces y fiscales argentinos por los canales pertinentes para ello.                    


(15 febbraio 2015)

16 febbraio 2015
Ultimi articoli
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti
Caldarozzi alla Dia

De Vito, presidente di Md: «Sorpreso da questa promozione»

L'intervista a Il Manifesto, 28 dicembre 2017