"Bari, necessaria riflessione sulle Procure

per restituire serenità ai colleghi interessati"

ROMA - La Procura di Bari - la cui situazione era già stata oggetto, nei mesi scorsi, di specifica attenzione da parte di Magistratura Democratica e di Area - è oggi interessata da un'importante iniziativa giudiziaria: il suo vertice e un sostituto del medesimo ufficio  sono stati raggiunti da un avviso di conclusione indagini della Procura di Lecce che ipotizza fatti penalmente rilevanti inerenti alla gestione della Procura e alla conduzione delle indagini.

Da tempo il nostro gruppo sollecita la magistratura ad una seria riflessione sui rapporti tra procuratore capo e i singoli sostituti e, più in generale, sulla organizzazione e il funzionamento delle Procure.

Fermo il principio di presunzione di innocenza e a prescindere dagli esiti dell’accertamento delle responsabilità personali, i fatti accaduti a Bari fanno emergere un quadro estremamente preoccupante e segnalano una pericolosa degenerazione dei rapporti interni nelle Procure della Repubblica e una alterazione del ruolo istituzionale e dei meccanismi di funzionamento degli uffici requirenti. Si tratta di un percorso che deve essere duramente contrastato sul piano culturale e ordinamentale.

E’ nostra convinzione che questi segnali molto preoccupanti non debbano essere trascurati e che dobbiamo trovare risposte in grado di restituire, nel più breve tempo possibile,  serenità ai magistrati che operano negli uffici interessati e costruire un clima fiducia nei confronti delle istituzioni giudiziarie.

L’esecutivo di Magistratura Democratica

(4 ottobre 2012)

4 ottobre 2012
Ultimi articoli
Commenti

La controriforma gialloverde delle carceri

di Riccardo De Vito
L'analisi. I contenuti del decreto legislativo in tema di ordinamento penitenziario approvato dal Consiglio dei Ministri il 2 agosto (Il Manifesto)
L’intervento

La magistratura torni all’impegno comune sui diritti e sulle garanzie

di Mariarosaria Guglielmi
Corriere della Sera, 31 luglio 2018
Nave Diciotti

Riccardo De Vito: «Ministro dell’Interno distante dai principi della Costituzione»

Per il presidente di Md, ancora una volta la vicenda dei migranti strumentalizzata per fini politici
Giustizia

Md: il ministro prenda distanze da dichiarazioni sottosegretario Morrone

Associazionismo dei magistrati e cultura giurisdizione siano sempre baluardo dei diritti fondamentali
Elezioni Csm

Sanlorenzo: «L’attacco del ministro ai magistrati va oltre ogni diritto di critica»

Intervista a Rita Sanlorenzo, candidata di Area contro Piercamillo Davigo alle elezioni del Csm. Un esponente delle istituzioni trasforma una questione privata come capo-partito in una questione istituzionale. Il Csm intervenga con una pratica a tutela dei colleghi (Il Manifesto)
Elezioni Csm

Giangiacomo: «Basta carrierismo: i magistrati devono fare un salto culturale…»

Parla Bruno Giangiacomo, presidente del Tribunale di Vasto e candidato per i giudici di merito per Area, alle elezioni per il rinnovo del Csm (Il Dubbio)