Attacchi di Parigi

Messaggio Md a Medel

"Vicinanza al popolo francese"
Face à l'horreur des attaques qui ont si durement frappé Paris et l'humanité entière, Magistratura Democratica exprime ses sentiments de douleur et d'émotion profonde pour les victimes, de proximité à nos amis du Syndicat de la Magistrature et à tout le peuple français, et nos plus vive préoccupations pour les risques qui vont peser sur la qualité de notre démocratie et sur nos libertés.

Dans ce moment nous éprouvons un sentiment, encore plus fort, d'appartenance à cette communauté de valeurs et d'idéaux de liberté et de justice que depuis toujours MEDEL représente.


En nom de ces valeurs nous voulons renouveler notre engagement à affronter ensemble les défis difficiles auxquels, en ce moment dramatique, doit faire face la démocratie.

L’esecutivo di Magistratura Democratica

 

Di fronte all’orrore degli attacchi che hanno così duramente colpito Parigi e l’umanità intera, Magistratura democratica esprime i suoi sentimenti di cordoglio e di profonda commozione per le vittime, di sentita vicinanza ai nostri amici del Sindacato della Magistratura Francese e a tutto il popolo francese, e di forte preoccupazione per i rischi che potrebbero correre la qualità della nostra democrazia e le nostre libertà.
 
In questo momento avvertiamo ancora più forte il senso di appartenenza a quella comunità di valori e di ideali di libertà e di giustizia che da sempre rappresenta MEDEL. 

In nome di questi valori vogliamo rinnovare il nostro impegno ad affrontare insieme le difficili sfide che questa drammatica stagione pone alla democrazia.


(16 novembre 2015)
16 novembre 2015
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Senza paura. Nel nome della sicurezza e dei diritti si approvi la riforma

L’appello di Md e Antigone a tutte le forze politiche
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti