Area Csm

Prima gli uffici

PRIMA GLI UFFICI
 
Ieri mattina il plenum del Csm era chiamato a una votazione attesa.
Si decideva quale risoluzione adottare (tra le due elaborate dalla V Commissione) in merito alle legge 114/2014 e, nello specifico, ai concorsi precedenti al 24.6.2014 e non ancora decisi.
 
L’orientamento del gruppo di Area è noto e si rispecchiava nella proposta di maggioranza: applicare la normativa transitoria a tutte le procedure pendenti (tre anni con termine finale 70 anni o il 31.12.2015), secondo un’interpretazione che privilegiasse la funzionalità e l’interesse collettivo degli uffici, rispetto alle pur legittime aspirazioni personali dei candidati.
 
Il risultato della votazione:
- proposta B - 14 voti
(consiglieri di MI, Unicost, Capi di Corte,  Leone, Zanettin, Balducci)
- proposta A - 9 voti
(Area, Casellati, Fanfani)
Astenuto : Balduzzi

Nel dibattito (in cui per il nostro gruppo sono intervenuti Napoleone, Aschettino, Fracassi e Morosini), abbiamo ribadito l’importanza di privilegiare un approccio generale, che vincolasse tutte le procedure, per evitare che decisioni “caso per caso” lasciassero spazio a eccessive discrezionalità.
 
La nomina di un dirigente è un investimento. Per questo gli va garantita, prima di tutto, la possibilità di fare programmi e di dare un contributo organizzativo che non possa limitarsi a pochi mesi.
 
Ne restiamo profondamente convinti, anche se il voto di oggi ci ha visto in minoranza e riteniamo che l’esito non abbia in alcun modo ridimensionato la validità della nostra posizione.
 
Non solo, infatti, rifiutando proposte di accomodamento, abbiamo affermato il principio che riteniamo fondamentale.Ma, l'andamento del dibattito (che si è protratto fino al primo pomeriggio), ci ha consentito anche di evidenziare che la scelta interpretativa, secondo noi tecnicamente preferibile, rispondeva alle nostre opzioni culturali di fondo.

In poche parole: la priorità è l’interesse dell’ufficio e non la carriera.

Altro aspetto da non tralasciare: la nostra soluzione offriva un criterio oggettivo e trasparente. Mentre la proposta approvata rinvia alla fase del merito la valutazione “caso per caso” di quanto tempo occorra per ritenere adeguato il periodo di permanenza di un dirigente.

Il "caso per caso" è tristemente famoso nella gestione delle nomine.

Vigileremo su quanto le proclamazioni di principio di chi ha ritenuto preferibile questa modalità, corrisponderanno ai fatti e ci impegneremo comunque a dare concretezza ai nostri valori di riferimento.
 
I componenti di Area al CSM
Ercole Aprile
Antonello Ardituro
Lucio Aschettino
Nicola Clivio
Valerio Fracassi
Piergiorgio Morosini
Fabio Napoleone

(6 novembre 2014)

6 novembre 2014
Ultimi articoli
Rassegna

Nel nome dell’interesse dello Stato si fa a pezzi il principio di non colpevolezza

Intervista a Riccardo De Vito, presidente di Md (Il Manifesto, 7 novembre 2018)
Intervento

Il ruolo della magistratura nella difesa delle garanzie

di Mariarosaria Guglielmi
Il garantismo: esigenza della giurisdizione, fondamento della sua indipendenza
Minori

Prime riflessioni sul Ddl Pillon

di Giulia Marzia Locati
Dal superiore interesse del minore ad una visione adulto centrica delle relazioni familiari
Medel/Aed

Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés)/Aed (Avocats Européens Democrates): Magistrati e Avvocati dalla parte dei valori comuni

di Mariarosaria Guglielmi
Le conclusioni comuni della conferenza internazionale L’indipendenza della Giustizia in Europa, Magistrati/Avvocati/Duo/Duel (Bruxelles, 26 maggio 2018)
Rassegna

I magistrati democratici europei: «Le costituzioni affermino il ruolo dell’avvocato»

Il Dubbio, 29 settembre 2018
Polonia

Encj: il Consiglio di Giustizia (KRS) non è un'istituzione indipendente

Le riforme della giustizia hanno prodotto una crisi sistemica dello Stato di diritto. Il KRS non è in grado di sostenere il sistema giudiziario nell’esercizio indipendente della giurisdizione