Area Csm

Prima gli uffici

PRIMA GLI UFFICI
 
Ieri mattina il plenum del Csm era chiamato a una votazione attesa.
Si decideva quale risoluzione adottare (tra le due elaborate dalla V Commissione) in merito alle legge 114/2014 e, nello specifico, ai concorsi precedenti al 24.6.2014 e non ancora decisi.
 
L’orientamento del gruppo di Area è noto e si rispecchiava nella proposta di maggioranza: applicare la normativa transitoria a tutte le procedure pendenti (tre anni con termine finale 70 anni o il 31.12.2015), secondo un’interpretazione che privilegiasse la funzionalità e l’interesse collettivo degli uffici, rispetto alle pur legittime aspirazioni personali dei candidati.
 
Il risultato della votazione:
- proposta B - 14 voti
(consiglieri di MI, Unicost, Capi di Corte,  Leone, Zanettin, Balducci)
- proposta A - 9 voti
(Area, Casellati, Fanfani)
Astenuto : Balduzzi

Nel dibattito (in cui per il nostro gruppo sono intervenuti Napoleone, Aschettino, Fracassi e Morosini), abbiamo ribadito l’importanza di privilegiare un approccio generale, che vincolasse tutte le procedure, per evitare che decisioni “caso per caso” lasciassero spazio a eccessive discrezionalità.
 
La nomina di un dirigente è un investimento. Per questo gli va garantita, prima di tutto, la possibilità di fare programmi e di dare un contributo organizzativo che non possa limitarsi a pochi mesi.
 
Ne restiamo profondamente convinti, anche se il voto di oggi ci ha visto in minoranza e riteniamo che l’esito non abbia in alcun modo ridimensionato la validità della nostra posizione.
 
Non solo, infatti, rifiutando proposte di accomodamento, abbiamo affermato il principio che riteniamo fondamentale.Ma, l'andamento del dibattito (che si è protratto fino al primo pomeriggio), ci ha consentito anche di evidenziare che la scelta interpretativa, secondo noi tecnicamente preferibile, rispondeva alle nostre opzioni culturali di fondo.

In poche parole: la priorità è l’interesse dell’ufficio e non la carriera.

Altro aspetto da non tralasciare: la nostra soluzione offriva un criterio oggettivo e trasparente. Mentre la proposta approvata rinvia alla fase del merito la valutazione “caso per caso” di quanto tempo occorra per ritenere adeguato il periodo di permanenza di un dirigente.

Il "caso per caso" è tristemente famoso nella gestione delle nomine.

Vigileremo su quanto le proclamazioni di principio di chi ha ritenuto preferibile questa modalità, corrisponderanno ai fatti e ci impegneremo comunque a dare concretezza ai nostri valori di riferimento.
 
I componenti di Area al CSM
Ercole Aprile
Antonello Ardituro
Lucio Aschettino
Nicola Clivio
Valerio Fracassi
Piergiorgio Morosini
Fabio Napoleone

(6 novembre 2014)

6 novembre 2014
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti