Anm, Csm e tutela dei lavoratori

Nota riunione esecutivo 27 settembre

Magistratura Democratica esprime gratitudine alla G.E.C. dell’A.N.M. per l’impegno profuso a difesa del ruolo costituzionale della giurisdizione e della dignità della funzione. Auspica che il lavoro prosegua nei prossimi mesi in vista delle annunciate riforme in materia di giustizia.

L’attenzione alle condizioni di lavoro dei magistrati non deve fare dimenticare la specificità della funzione giudiziaria, che non è semplice amministrazione ma responsabile esercizio di un Potere dello Stato per la tutela dei diritti. Sono da rifiutare le equiparazioni, da chiunque provengano, con le amministrazioni dello Stato e le concezioni impiegatizie del lavoro giudiziario. I magistrati italiani hanno sempre offerto e sempre offriranno il loro contributo per una giurisdizione migliore.

Auspica che il vice presidente del CSM sia scelto dal Plenum, dopo ampio dibattito, e che sappia garantire le prerogative costituzionali del Consiglio Superiore, scevro da condizionamenti di altri Poteri dello Stato.

Ricorda che la Costituzione repubblicana è fondata sul lavoro la cui disciplina, prima che alle esigenze del mercato, guarda alla tutela della dignità e salute dei lavoratori. Tale principio deve rappresentare la base imprescindibile di qualsiasi iniziativa legislativa in materia.

Roma 27 settembre 2014

Esecutivo di M.D.

27 settembre 2014
Ultimi articoli
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore
Indagini e stampa

Calabria «smontata» dal processo mediatico

di Emilio Sirianni
Prudenza istituzionale e rispetto delle persone coinvolte, inclusi gli indagati, impongono sobrietà e cautela nelle dichiarazioni rese dai magistrati alla stampa
Genova, 34° Congresso Anm

“La nuova sfida di fedeltà alla Costituzione”

di Mariarosaria Guglielmi
Incondizionata fedeltà alla Carta fondamentale, rinnovata consapevolezza del ruolo costituzionale della giurisdizione e piena responsabilità professionale e culturale: queste le grandi sfide democratiche, che coinvolgono il futuro dell’Europa e dello Stato di diritto, sulle quali la Magistratura è chiamata ad impegnarsi collettivamente