Ungheria

La svolta di Orbàn

"Si smantellano meccanismi pesi e contrappesi"

di Gualtiero Michelini e Vito Monetti

1. Con una procedura inusuale, la Commissione di Venezia adottava, già nel giugno 2011, un'Opinione sulla nuova Costituzione ungherese, che anticipava le preoccupazioni esplose in seno all'Unione europea con l'entrata in vigore della stessa lo scorso 1 gennaio.

La Commissione di Venezia è l'organo di alta consulenza/assistenza costituzionale del Consiglio d'Europa, che ha giocato e gioca un ruolo cruciale nel processo di institution building dei paesi membri di tale organizzazione internazionale, in particolare le nuove democrazie, i paesi entrati a far parte dell'UE in seguito all'allargamento del 2004-2007, e quelli candidati o potenziali candidati all'adesione all'UE. La peculiarità' dell'intervento in questione è che l'opinione della Commissione di Venezia non è stata richiesta dalle autorità del paese interessato, ma dall'Assemblea Parlamentare del Consiglio.

Pur con il consueto linguaggio didattico-tecnico-diplomatico, la Commissione di Venezia esprimeva forti e ragionate preoccupazioni sul nuovo assetto costituzionale ungherese, rivelatesi purtroppo facilmente profetiche in seguito al successivo sviluppo degli eventi (1). La Commissione di Venezia criticava, in particolare, l'architettura costituzionale disegnata dal costituente ungherese, caratterizzata da scarsa trasparenza, dal frequente ricorso ai concetti di identità e tradizioni nazionali, dalla delega (per oltre 50 materie) a "leggi organiche", da adottarsi a maggioranza di 2/3. Osservava che, da un lato, il ricorso a leggi organiche per materie concernenti politiche culturali, religiose, morali, socio-economiche, finanziarie, materie normalmente lasciate al processo politico ordinario e decise a maggioranza semplice, rischia di bloccare il quadro legislativo del paese e non consentirne la naturale evoluzione (tanto più ove l'attuale maggioranza, che appunto gode del requisito dei 2/3 richiesto, dovesse mutare, senza che una successiva maggioranza semplice possa operare modificazioni); d'altro lato, sottolineava che materie quali il sistema giudiziario e la protezione dei diritti fondamentali dovrebbero essere delineati, nei loro aspetti principali proprio dalla Costituzione e non da strumenti legislativi subordinati, quantunque da adottarsi a maggioranza rafforzata, quali appunto le leggi organiche.

2. Senza affrontare in questa sede i problemi già emersi in relazione al pluralismo dei media ed al linguaggio contenuto nella nuova Costituzione riguardante la protezione degli ungheresi all'estero, potenzialmente foriero di conflitti con gli Stati ospitanti importanti comunità magiare, le maggiori preoccupazioni che hanno comportato l'intervento della Commissione europea sono relative all'alterazione dei checks and balances propri delle Costituzioni moderne in favore di una assoluta concentrazione dei poteri in capo al governo.

La Commissione europea, infatti, ha iniziato (già il 17 gennaio, dopo poco più  di due settimane dall'entrata in vigore della nuova Costituzione)  una procedura d'infrazione urgente per la violazione dei principi di indipendenza di tre istituzioni, la banca centrale, il potere giudiziario, l'autorità' di protezione dei dati personali (2).

Le questioni relative al potere giudiziario sono essenzialmente due: l'immediato abbassamento dell'età' pensionabile dei giudici e pubblici ministeri in servizio da 70 a 62 anni, e l'abolizione del consiglio superiore della magistratura.

La prima questione, giustificata dal legislatore ungherese con la modifica della struttura della Corte Suprema, ora denominata Curia, ha portata tra l'altro all'immediato pensionamento forzato dell'attuale presidente, già giudice alla Corte europea dei diritti dell'uomo, ed è in netta controtendenza con l'aumento dell'età pensionabile in atto per i pubblici funzionari, ed in genere i cittadini, ungheresi (ed europei). Secondo la Commissione, si tratta quantomeno di una violazione della normativa europea che vieta la discriminazione per ragioni di età.

Sulla questione dell'abolizione del consiglio superiore, invece, manca una precisa normativa europea di riferimento. Tuttavia, la Commissione chiede maggiori informazioni sulla sostituzione del Consiglio con un nuovo "National Judicial Office", organo non collegiale, ma diretto, appunto, da un singolo direttore nominato dal governo, e competente per la gestione dei tribunali, il loro bilancio, l'allocazione del personale di magistratura ed amministrativo, ed il reclutamento dei magistrati. Una struttura che quantomeno appare in contrasto con i principi dello stato di diritto quali valori fondanti dell'Unione europea e probabilmente con il diritto ad un processo equo dinanzi ad un giudice indipendente ed imparziale sancito dalla Carta dei diritti fondamentali dell'UE.

3. Ovviamente, ciò che accade all'interno di uno Stato membro dell'Unione europea riguarda tutti i cittadini della stessa. La cooperazione giudiziaria, in particolare, si basa sul mutuo riconoscimento, che a sua volta si basa sulla fiducia reciproca nei rispettivi sistemi giudiziari degli Stati membri dell'UE, ancorché con differenti tradizioni giuridiche.

MEDEL, l'associazione dei magistrati progressisti europei, ha avviato contatti con i giudici ungheresi per ottenere maggiori informazioni e per eventuale supporto. Allo stato, purtroppo, non vi sono associazioni ungheresi partecipanti a MEDEL, ed i contatti sembrano condizionati da notevoli difficoltà di apertura all'esterno.

NOTE

(1). Opinion no. 621 / 2011 CDL-AD(2011)016 EUROPEAN COMMISSION FOR DEMOCRACY THROUGH LAW (VENICE COMMISSION) OPINION ON THE NEW CONSTITUTION OF HUNGARY Adopted by the Venice Commission at its 87th Plenary Session (Venice, 17-18 June 2011) in http://www.venice.coe.int/docs/2011/CDL-AD(2011)016-E.pdf  

(2).  V. il comunicato stampa del 17 gennaio 2012, reperibile ad es. in http://ec.europa.eu/commission_2010-2014/reding/multimedia/news/2012/01/20120111_en.htm

6 febbraio 2012
Ultimi articoli
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.