Turchia

Murat Arslan, giudice detenuto, ha vinto il premio Václav Havel per i diritti umani 2017

Il comunicato dell'associazione Medel, il messaggio di Arslan, l'e-book "Lettere dalla Turchia"

L'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa (PACE) ha annunciato nella sua sessione plenaria di oggi a Strasburgo (Francia) che il vincitore del Premio Václav Havel per i Diritti Umani 2017 è Murat Arslan, giudice turco, presidente di YARSAV, associazione indipendente dei giudici turchi, in prigione dal 19 ottobre 2016.

Murat Arslan è stato candidato per questo premio da MEDEL – Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés, così come da UIM – Union Internationale des Magistrats, con il supporto delle altre associazioni internazionali che formano la Platform for an Independent Judiciary in Turkey: Judges for Judges e Association of European Administrative Judges.

Murat Arslan è un simbolo di tutti coloro che non si arrendono e che, anche rischiando le proprie vite, continuano a combattere per i diritti umani ed a credere che i cittadini turchi abbiano il diritto di vivere liberamente ed in uno Stato democratico: uno Stato che rispetti le libertà individuali e garantisca accesso uguale e libero ad un sistema di giustizia indipendente, che attui i diritti fondamentali.

Dall'inizio della brutale repressione contro la società civile ed il potere giudiziario in Turchia, MEDEL ha ricevuto innumerevoli grida di aiuto dalla Turchia, che oggi pubblichiamo nell’e-book allegato.

***

Il comunicato di Medel (It)

Il comunicato di Medel (En)

Il discorso di Murat Arslan (En)

Il discorso di Murat Arslan (Fr)

L'e-book - Lettere dalla Turchia (2016-2017)

9 ottobre 2017
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Senza paura. Nel nome della sicurezza e dei diritti si approvi la riforma

L’appello di Md e Antigone a tutte le forze politiche
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti