Turchia

La lettera di Medel alla Nato

"Liberazione immediata dei magistrati arrestati"

I  magistrati europei chiedono alla NATO di richiedere alla Turchia l'immediata liberazione delle migliaia di magistrati arrestati in Turchia.

Berlino, 26 luglio 2016

MEDEL (Magistrati europei per la democrazia e le libertà ) chiede al Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg "di chiedere alla Turchia il rispetto del Trattato e degli accordi NATO e di liberare i giudici e pubblici ministeri arrestati senza giusto processo e senza rispetto dei principi dello Stato di diritto.

La lettera alla NATO giunge dopo che oltre 2.700 magistrati sono stati destituiti in una notte e molti di loro arrestati dopo il fallito tentativo di colpo di Stato.
Una precedente lettera e' stata inviata a tutte le istituzioni europee chiedendo loro di richiedere alla Turchia l'immediata liberazione dei magistrati arrestati.

Nella lettera inviata alla NATO i magistrati europei fanno riferimento alle dichiarazioni dell'Ambasciatore della Turchia in Romania, Osman Koray Ertaş, che ha rivelato in un'intervista che la "colpa" di questi magistrati sarebbe di avere condiviso convinzioni non accettate dal governo.

Ha anche rivelato che sin dal 2014 il governo, utilizzando le agenzie di intelligence, ha lavorato intensamente per identificare in ciascuna istituzione le persone che condividevano queste convinzioni.

"Ovviamente, i nostri servizi di intelligence hanno fatto il lavoro maggiore", ha dichiarato l'ambasciatore Ertaş nell'intervista.
"E' sconvolgente scoprire che in un paese membro della NATO un quarto dei giudici in Turchia e' stato destituito in una notte sulla base di "indagini" svolte dalle agenzie di intelligence, e senza essere stati ancora processati e condannati per avere compiuto qualcosa di illegale", dicono i magistrati europei.

MEDEL fa riferimento al discorso del Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg, che il 18 luglio 2016, dopo l'inizio della destituzione di massa dei magistrati turchi, ha affermato che "essere parti di un'unica comunità di valori e' essenziale per la Turchia, come per gli altri Alleati, per assicurare il pieno rispetto della democrazia e delle sue istituzioni, dell'ordine costituzionale, dello Stato di diritto e delle libertà fondamentali".

Questi principi democratici comuni sono stati dichiarati come condivisi anche dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan, quando ha sottoscritto il 9 luglio 2016 la Dichiarazione comune NATO di Varsavia. In questa Dichiarazione si afferma, tra l'altro: "Siamo uniti, ed agiamo uniti, per la difesa del nostro territorio, delle nostre popolazioni, e dei nostri valori comuni".

Nella Dichiarazione di Varsavia si afferma anche che: "unita dal nostro perdurante legame transatlantico, e dal nostro impegno per la democrazia, la libertà individuale, i diritti umani e lo Stato di diritto, la NATO continuerà ad agire per la pace, sicurezza e stabilità in tutta l'area Euro-atlantica, in conformità con i principi della Carta delle Nazioni Unite".

"Non può esserci democrazia, libertà individuale,  rispetto dei diritti umani, Stato di diritto se i giudici sono arbitrariamente destituiti ed arrestati", affermano i magistrati europei. Nella conclusione della lettera, i magistrati europei ribadiscono la loro richiesta al Segretario Generale della NATO "di richiedere alla Turchia il rispetto dei valori democratici affermati a Varsavia, di liberare i giudici e pubblici ministeri arbitrariamente arrestati e di far tornare la Turchia al suo ordine democratico, l'unico che può portare pace e prosperità al popolo turco".
 
MEDEL ( Magistrats européens pour la démocratie et les libertés) è un'associazione di giudici e di pubblici ministero europei, costituita con il principale scopo di difendere l'indipendenza dei sistemi giudiziari, la democrazia e i diritti umani. Aderiscono a Medel 22 associazioni nazionali di magistrati di 15 paesi europei, inclusa la Turchia.

____________________

 
Versione in inglese del comunicato di Medel

La lettera al Segretario generale della Nato può essere letta qui


SPECIALE TURCHIA


(26 lugio 2016)

26 luglio 2016
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Senza paura. Nel nome della sicurezza e dei diritti si approvi la riforma

L’appello di Md e Antigone a tutte le forze politiche
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti