Turchia

La lettera di Medel alla Nato

"Liberazione immediata dei magistrati arrestati"

I  magistrati europei chiedono alla NATO di richiedere alla Turchia l'immediata liberazione delle migliaia di magistrati arrestati in Turchia.

Berlino, 26 luglio 2016

MEDEL (Magistrati europei per la democrazia e le libertà ) chiede al Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg "di chiedere alla Turchia il rispetto del Trattato e degli accordi NATO e di liberare i giudici e pubblici ministeri arrestati senza giusto processo e senza rispetto dei principi dello Stato di diritto.

La lettera alla NATO giunge dopo che oltre 2.700 magistrati sono stati destituiti in una notte e molti di loro arrestati dopo il fallito tentativo di colpo di Stato.
Una precedente lettera e' stata inviata a tutte le istituzioni europee chiedendo loro di richiedere alla Turchia l'immediata liberazione dei magistrati arrestati.

Nella lettera inviata alla NATO i magistrati europei fanno riferimento alle dichiarazioni dell'Ambasciatore della Turchia in Romania, Osman Koray Ertaş, che ha rivelato in un'intervista che la "colpa" di questi magistrati sarebbe di avere condiviso convinzioni non accettate dal governo.

Ha anche rivelato che sin dal 2014 il governo, utilizzando le agenzie di intelligence, ha lavorato intensamente per identificare in ciascuna istituzione le persone che condividevano queste convinzioni.

"Ovviamente, i nostri servizi di intelligence hanno fatto il lavoro maggiore", ha dichiarato l'ambasciatore Ertaş nell'intervista.
"E' sconvolgente scoprire che in un paese membro della NATO un quarto dei giudici in Turchia e' stato destituito in una notte sulla base di "indagini" svolte dalle agenzie di intelligence, e senza essere stati ancora processati e condannati per avere compiuto qualcosa di illegale", dicono i magistrati europei.

MEDEL fa riferimento al discorso del Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg, che il 18 luglio 2016, dopo l'inizio della destituzione di massa dei magistrati turchi, ha affermato che "essere parti di un'unica comunità di valori e' essenziale per la Turchia, come per gli altri Alleati, per assicurare il pieno rispetto della democrazia e delle sue istituzioni, dell'ordine costituzionale, dello Stato di diritto e delle libertà fondamentali".

Questi principi democratici comuni sono stati dichiarati come condivisi anche dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan, quando ha sottoscritto il 9 luglio 2016 la Dichiarazione comune NATO di Varsavia. In questa Dichiarazione si afferma, tra l'altro: "Siamo uniti, ed agiamo uniti, per la difesa del nostro territorio, delle nostre popolazioni, e dei nostri valori comuni".

Nella Dichiarazione di Varsavia si afferma anche che: "unita dal nostro perdurante legame transatlantico, e dal nostro impegno per la democrazia, la libertà individuale, i diritti umani e lo Stato di diritto, la NATO continuerà ad agire per la pace, sicurezza e stabilità in tutta l'area Euro-atlantica, in conformità con i principi della Carta delle Nazioni Unite".

"Non può esserci democrazia, libertà individuale,  rispetto dei diritti umani, Stato di diritto se i giudici sono arbitrariamente destituiti ed arrestati", affermano i magistrati europei. Nella conclusione della lettera, i magistrati europei ribadiscono la loro richiesta al Segretario Generale della NATO "di richiedere alla Turchia il rispetto dei valori democratici affermati a Varsavia, di liberare i giudici e pubblici ministeri arbitrariamente arrestati e di far tornare la Turchia al suo ordine democratico, l'unico che può portare pace e prosperità al popolo turco".
 
MEDEL ( Magistrats européens pour la démocratie et les libertés) è un'associazione di giudici e di pubblici ministero europei, costituita con il principale scopo di difendere l'indipendenza dei sistemi giudiziari, la democrazia e i diritti umani. Aderiscono a Medel 22 associazioni nazionali di magistrati di 15 paesi europei, inclusa la Turchia.

____________________

 
Versione in inglese del comunicato di Medel

La lettera al Segretario generale della Nato può essere letta qui


SPECIALE TURCHIA


(26 lugio 2016)

26 luglio 2016
Ultimi articoli
In ricordo.

In quella voragine è finita anche una parte dello Stato

di Stefano Musolino
La voragine di Capaci ci sollecita a non perdere mai il senso dello Stato e a non restare intrappolati tra tentazioni carrieristiche, timori reverenziali, atteggiamenti burocratici ed individualismi esasperati
Turchia.

Lettere dai magistrati turchi

Il 23 maggio è la giornata di sensibilizzazione per l'indipendenza della giustizia in Europa. Pubblichiamo la traduzione in dodici lingue delle Letters from the Turkish Judiciary edite in e-book da Medel, impressionante testimonianza dell'incredibile accelerazione della caduta dello Stato di diritto in Turchia
Polonia.

WeDisagree. La voce dei giuristi polacchi

Il video raccoglie le voci dei giuristi polacchi, che esprimono la loro opposizione a quello che sta succedendo il Polonia: “la nostra comune casa democratica viene smantellata da coloro che sono al potere, pezzo dopo pezzo, in violazione della nostra Costituzione e dello stato di diritto”
Sulla proposta di riforma.

Separazione delle carriere: a rischio l’indipendenza del Pubblico ministero

La riforma è contraria ai principi affermati in ambito europeo che incoraggiano l'autonomia del pubblico ministero come presupposto dell'indipendenza di tutto il potere giudiziario, per una giustizia equa, imparziale ed efficiente
Polonia.

Nuova procedura di infrazione per le riforme sulla giustizia

di Mariarosaria Guglielmi
Dichiarazione di Medel sulla procedura d’infrazione della Commissione Europea contro la Polonia per il nuovo sistema disciplinare dei magistrati, contrario al principio di indipendenza della magistratura
Liberazione.

Il senso dell’unità antifascista e costituzionale del 25 aprile

La giornata della memoria antinazista e antifascista assume quest’anno un significato più forte, come risposta a quanti in Italia e in Europa predicano teorie contrarie alla nostra Costituzione e rivendicano scelte di negazione dei diritti