Strage migranti

L'intervista ad Anna Canepa

"Migrazioni epocali, metà del mondo fugge per non morire"

«Siamo di fronte ad un fenomeno migratorio le cui dimensioni sono immense tanto quanto la sua tragicità. Bisogna che a farsene carico siano, insieme, l’Europa e il mondo Occidentale, altrimenti non se ne vedrà la fine». Dopo l’ennesima strage nel Mediterraneo parla la dottoressa Anna Canepa, sostituto procuratore presso la Direzione Nazionale Antimafia a Roma e segretario generale di Magistratura Democratica.

«Volti, corpi, storie, disperazione, ma anche affari, business, criminalità e speculazione. Superato lo choc del dramma umano che ti si para davanti agli occhi tutte le volte, troppe, che si deve fare la conta delle vittime, si deve necessariamente prendere atto che c’è da cambiare un sistema e va fatto a monte e tutti insieme. Questo non è un problema dell’Italia e men che meno di Lampedusa o di Malta, solo perché sono laggiù, sulle coste che si affacciano sui paesi che “producono” il traffico di uomini. E’ un problema che riguarda tutte le nazioni, quelle di provenienza, quelle di transito e quelle di destinazione e questo perché anche le cause che stanno dietro alle migrazioni oggi riguardano tutte le nazioni».

Un mare, il Mediterraneo, che sta diventano cimitero del mondo e popoli verso i quali il mondo, soprattutto occidentale, «deve farsi un esame di coscienza» prosegue Anna Canepa. «Siamo di fronte ad un fenomeno migratorio le cui dimensioni sono immense tanto quanto la sua tragicità, un fenomeno che muove miliardi e dietro cui c’è la criminalità organizzata transnazionale. E la situazione sta precipitando sempre più in fretta a seguito della dissoluzione degli Stati dell’Africa e del Medio Oriente conseguenti a guerre che paiono nutrirsi ogni giorno di nuova linfa e non finire mai. Mancano interlocutori con cui intavolare trattative, riflessioni, revisioni di sistemi e approcci».

Già; l’Occidente manda eserciti, fornisce armi, spesso sfrutta i paesi in via di sviluppo, ricchi di risorse e ancora terra di conquiste, ma è infastidito se da quei paesi orde di uomini, donne e bambini partono per salvarsi la vita e approdano dall’altra parte dell’abisso. «E sempre di più le organizzazioni terroristiche sfruttano la tratta dei migranti per finanziarsi» aggiunge la dottoressa Canepa. Insomma, una situazione che dire di emergenza non rappresenta più nemmeno la realtà. «Oggi la gente non fugge più dai paesi africani o medio-orientali per cercare una vita migliore, fugge per salvarsi la vita, per non morire. Ma chi è potrà mai essere pronto a fronteggiare una tale rivoluzione sociale? Per questo non si può sempre agire a posteriori, a barconi partiti. Bisogna che le azioni abbiano come obiettivo l’eliminazione delle cause delle migrazioni e la repressione della criminalità che sfrutta la disperazione. Intanto comunque sarebbe meglio ripristinare Mare Nostrum».

intervista pubblicata su "Il Cambiamento"

(22 aprile 2015)

22 aprile 2015
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.