Strage migranti

L'intervista ad Anna Canepa

"Migrazioni epocali, metà del mondo fugge per non morire"

«Siamo di fronte ad un fenomeno migratorio le cui dimensioni sono immense tanto quanto la sua tragicità. Bisogna che a farsene carico siano, insieme, l’Europa e il mondo Occidentale, altrimenti non se ne vedrà la fine». Dopo l’ennesima strage nel Mediterraneo parla la dottoressa Anna Canepa, sostituto procuratore presso la Direzione Nazionale Antimafia a Roma e segretario generale di Magistratura Democratica.

«Volti, corpi, storie, disperazione, ma anche affari, business, criminalità e speculazione. Superato lo choc del dramma umano che ti si para davanti agli occhi tutte le volte, troppe, che si deve fare la conta delle vittime, si deve necessariamente prendere atto che c’è da cambiare un sistema e va fatto a monte e tutti insieme. Questo non è un problema dell’Italia e men che meno di Lampedusa o di Malta, solo perché sono laggiù, sulle coste che si affacciano sui paesi che “producono” il traffico di uomini. E’ un problema che riguarda tutte le nazioni, quelle di provenienza, quelle di transito e quelle di destinazione e questo perché anche le cause che stanno dietro alle migrazioni oggi riguardano tutte le nazioni».

Un mare, il Mediterraneo, che sta diventano cimitero del mondo e popoli verso i quali il mondo, soprattutto occidentale, «deve farsi un esame di coscienza» prosegue Anna Canepa. «Siamo di fronte ad un fenomeno migratorio le cui dimensioni sono immense tanto quanto la sua tragicità, un fenomeno che muove miliardi e dietro cui c’è la criminalità organizzata transnazionale. E la situazione sta precipitando sempre più in fretta a seguito della dissoluzione degli Stati dell’Africa e del Medio Oriente conseguenti a guerre che paiono nutrirsi ogni giorno di nuova linfa e non finire mai. Mancano interlocutori con cui intavolare trattative, riflessioni, revisioni di sistemi e approcci».

Già; l’Occidente manda eserciti, fornisce armi, spesso sfrutta i paesi in via di sviluppo, ricchi di risorse e ancora terra di conquiste, ma è infastidito se da quei paesi orde di uomini, donne e bambini partono per salvarsi la vita e approdano dall’altra parte dell’abisso. «E sempre di più le organizzazioni terroristiche sfruttano la tratta dei migranti per finanziarsi» aggiunge la dottoressa Canepa. Insomma, una situazione che dire di emergenza non rappresenta più nemmeno la realtà. «Oggi la gente non fugge più dai paesi africani o medio-orientali per cercare una vita migliore, fugge per salvarsi la vita, per non morire. Ma chi è potrà mai essere pronto a fronteggiare una tale rivoluzione sociale? Per questo non si può sempre agire a posteriori, a barconi partiti. Bisogna che le azioni abbiano come obiettivo l’eliminazione delle cause delle migrazioni e la repressione della criminalità che sfrutta la disperazione. Intanto comunque sarebbe meglio ripristinare Mare Nostrum».

intervista pubblicata su "Il Cambiamento"

(22 aprile 2015)

22 aprile 2015
Ultimi articoli
Minori

Prime riflessioni sul Ddl Pillon

di Giulia Marzia Locati
Dal superiore interesse del minore ad una visione adulto centrica delle relazioni familiari
Medel/Aed

Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés)/Aed (Avocats Européens Democrates): Magistrati e Avvocati dalla parte dei valori comuni

di Mariarosaria Guglielmi
Le conclusioni comuni della conferenza internazionale L’indipendenza della Giustizia in Europa, Magistrati/Avvocati/Duo/Duel (Bruxelles, 26 maggio 2018)
Rassegna

I magistrati democratici europei: «Le costituzioni affermino il ruolo dell’avvocato»

Il Dubbio, 29 settembre 2018
Polonia

Encj: il Consiglio di Giustizia (KRS) non è un'istituzione indipendente

Le riforme della giustizia hanno prodotto una crisi sistemica dello Stato di diritto. Il KRS non è in grado di sostenere il sistema giudiziario nell’esercizio indipendente della giurisdizione
Per Pasquale Sibilia

Formidabili quegli anni

di Carlo Sorgi
Un ricordo di Pasquale Sibilia da parte di un suo uditore
Rassegna

De Vito: «Da Salvini parole quasi eversive. Il consenso popolare? Non ci riguarda»

Parla il presidente di Magistratura democratica, Riccardo De Vito (Il Dubbio)