Strage migranti

L'intervista ad Anna Canepa

"Migrazioni epocali, metà del mondo fugge per non morire"

«Siamo di fronte ad un fenomeno migratorio le cui dimensioni sono immense tanto quanto la sua tragicità. Bisogna che a farsene carico siano, insieme, l’Europa e il mondo Occidentale, altrimenti non se ne vedrà la fine». Dopo l’ennesima strage nel Mediterraneo parla la dottoressa Anna Canepa, sostituto procuratore presso la Direzione Nazionale Antimafia a Roma e segretario generale di Magistratura Democratica.

«Volti, corpi, storie, disperazione, ma anche affari, business, criminalità e speculazione. Superato lo choc del dramma umano che ti si para davanti agli occhi tutte le volte, troppe, che si deve fare la conta delle vittime, si deve necessariamente prendere atto che c’è da cambiare un sistema e va fatto a monte e tutti insieme. Questo non è un problema dell’Italia e men che meno di Lampedusa o di Malta, solo perché sono laggiù, sulle coste che si affacciano sui paesi che “producono” il traffico di uomini. E’ un problema che riguarda tutte le nazioni, quelle di provenienza, quelle di transito e quelle di destinazione e questo perché anche le cause che stanno dietro alle migrazioni oggi riguardano tutte le nazioni».

Un mare, il Mediterraneo, che sta diventano cimitero del mondo e popoli verso i quali il mondo, soprattutto occidentale, «deve farsi un esame di coscienza» prosegue Anna Canepa. «Siamo di fronte ad un fenomeno migratorio le cui dimensioni sono immense tanto quanto la sua tragicità, un fenomeno che muove miliardi e dietro cui c’è la criminalità organizzata transnazionale. E la situazione sta precipitando sempre più in fretta a seguito della dissoluzione degli Stati dell’Africa e del Medio Oriente conseguenti a guerre che paiono nutrirsi ogni giorno di nuova linfa e non finire mai. Mancano interlocutori con cui intavolare trattative, riflessioni, revisioni di sistemi e approcci».

Già; l’Occidente manda eserciti, fornisce armi, spesso sfrutta i paesi in via di sviluppo, ricchi di risorse e ancora terra di conquiste, ma è infastidito se da quei paesi orde di uomini, donne e bambini partono per salvarsi la vita e approdano dall’altra parte dell’abisso. «E sempre di più le organizzazioni terroristiche sfruttano la tratta dei migranti per finanziarsi» aggiunge la dottoressa Canepa. Insomma, una situazione che dire di emergenza non rappresenta più nemmeno la realtà. «Oggi la gente non fugge più dai paesi africani o medio-orientali per cercare una vita migliore, fugge per salvarsi la vita, per non morire. Ma chi è potrà mai essere pronto a fronteggiare una tale rivoluzione sociale? Per questo non si può sempre agire a posteriori, a barconi partiti. Bisogna che le azioni abbiano come obiettivo l’eliminazione delle cause delle migrazioni e la repressione della criminalità che sfrutta la disperazione. Intanto comunque sarebbe meglio ripristinare Mare Nostrum».

intervista pubblicata su "Il Cambiamento"

(22 aprile 2015)

22 aprile 2015
Ultimi articoli
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.