Speciale XXI Congresso

L'intervento di Luca Semeraro

Si può essere fortunati.
La fortuna può consistere nel nascere nel posto giusto. Ma la fortuna può consistere anche nell'abitare 50 km più ad ovest.

Capita che un giorno di festa ti svegli presto, come sempre, perchè il tuo piccolo vuole stare nel letto con mamma e papà.

Puoi essere fortunato perché al mattino fai colazione. Già questa nella vita di tutti i giorni è una fortuna.

E sei fortunato quando al mattino durante la colazione la terra trema ma tu riesci a mantenere la calma e fai quello che devi fare
.
La terra trema quando tu pensavi ad una normale giorno di festa.

E sei fortunato perché quando la terra smette di tremare ti guardi intorno e vedi che quelli che ami ci sono tutti, cane compreso, tutto è ancora in piedi, e puoi ricacciare indietro la paura tornando a pensare che in fondo è ancora un giorno di festa.
Sei fortunato perché davanti a te hai ancora giorni di festa.
Festa e paura. Vita quotidiana e sensazione continua di tremare.
Ma non tutto prosegue come prima.
Capita ad esempio che la scuola di tuo figlio ha il tetto che non regge più.
La scuola chiude per almeno due anni.
Certo qualcuno festeggia qualche stanza più in là... ma questo ti ricorda ciò che è accaduto 50 km più in là. Ed anche quanto sei fortunato.
Oggi allora voglio ricordare quelli che fortunati non sono o non sono stati. Quelli che non possono tornare a casa. I ragazzi che non possono andare nelle loro scuole. Voglio ricordare gli avvinti dalla paura: quelli che non si abituano al tremore continuo o improvviso.
Voglio ricordare le persone private delle loro piazze: i vecchietti dei loro bar.

Disuguaglianze.
Le sessioni già svolte ci hanno spiegato come questa poteva essere l'epoca della globalizzazione dei diritti.
È stata ed è solo l'epoca della globalizzazione dei mercati, della finanza che predomina anche l'economia reale, del lavoro con minori tutele e più precario.
È l'epoca di un sistema economico che concentra la ricchezza sempre di più in poche mani, che genera sfruttamento e marginalizzazione, che pone in secondo piano l'uomo con i suoi bisogni ed i suoi diritti.
È l'epoca delle disuguaglianze, sempre crescenti, delle distanze che si accrescono, dei muri che nuovamente si innalzano.
Crescente è invece il bisogno di giustizia sociale e di redistribuzione; di un'economia governata anche dalla moralità, in un mondo in cui il profitto senza limiti si traforma in avidità e sopraffazione.

I sistemi costituzionali moderni difendono l'uguaglianza, formale e sostanziale. Sono le conquiste delle stagioni passate; ma i sistemi politici attuali, e, di conseguenza, gli ordinamenti giuridici che ne derivano, come affrontano le nuove e crescenti disuguaglianze? Quale è il ruolo della giurisdizione nei mutati assetti giuridici e sociali?
La relazione finale scritta dall'esecutivo si conclude proprio con un auspicio verso un rinnovato slancio della giurisprudenza verso la tutela dei diritti e le disuguaglianze.
Dobbiamo però domandarci se il modello di magistratura che tende a prevalere - non quello che noi ovviamente auspichiamo - sia in grado di affrontare questa sfida o se piuttosto si chiuderà in se stessa in maniera corporativa. La sfida di oggi è infatti la controspinta alle spinte corporative.
Che però ad una idea segua nei fatti, nel lavoro quotidiano, la manifestazione di questa idea.
Ho deciso che dopo 4 anni circa di impegno nell'esecutivo è possibile continuare ad essere magistrato democratico dedicandomi soprattutto alla giurisprudenza ed alla critica della giurisprudenza.

Molteplici potrebbero essere gli esempi su cui occorrono riflessioni.
Si  tratta di analizzare non solo orientamenti ma anche stili lavorativi - non solo poco garantisti - ma a loro volta produttivi inutilmente di altro lavoro.
È questo anche un intervento di saluti e di ringraziamenti.
Tutte queste parole per dirvi che non mi ricandiderò. Però qualcosa sul futuro la vorrei dire.
in primo luogo mentre parlo nessuno ancora si è candidato.
Mi piacerebbe sentire il discorso di chi è ufficialmente candidato a guidare il gruppo. Per un voto consapevole, mi viene da dire.
La seconda è sul documento il senso di md: difficile non condividere il contenuto. Però vorrei che fosse più chiaro sul concetto di autonomia da area.
Vorrei una scelta netta e definitiva su area: dentro o fuori.
Infine, spero di aver lasciato, in questo mio impegno associativo, un segno su due cose che ritengo dei valori: la lealtà in politica ed il senso di appartenere ad un organo collegiale.
È il momento dei ringraziamenti finali.

Ringrazio i componenti dei due esecutivi a cui ho partecipato ed in particolare Anna Canepa, che è bello rivedere tra noi. Mi mancheranno le discussioni franche, soprattutto quelle davanti ad un buon vino.
Poi ringrazio i pazzi che per ben due volte mi hanno votato.
Infine, ringrazio md perché partecipando ho imparato tanto.
Ho dato quel che ho potuto.
Per me è stata una grande occasione di crescita e se sono qua nonostante il terremoto vuol dire che certi legami sono più forti delle avversità.

Luca Semeraro 
 

5 novembre 2016
Ultimi articoli
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019
In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

di Edmondo Bruti Liberati
In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo
In ricordo

Per Salvatore Senese

di MD Toscana
Il vuoto lasciato dalla sua scomparsa non è di quelli che possano essere facilmente colmati. Non lo sarebbe stato in nessuna fase della vita di Magistratura democratica. Ma oggi, con tutto quello che sta succedendo, è facile capire che quel vuoto rimarrà per molto tempo ad ammonirci
In ricordo

Salvatore Senese, la sua lezione di fronte allo squallore di oggi

Proponiamo il brano di Luigi Ferrajoli pubblicato da il manifesto del 18 giugno 2019.

Nelle sue parole, il miglior antidoto alla demagogia di chi chiede il dissolvimento delle associazioni e, così facendo, impedisce un reale cambiamento delle stesse o propone di cambiare tutto per non cambiare niente. (L’Esecutivo nazionale di Magistratura democratica)