Speciale XXI Congresso

L'intervento di Gualtiero Michelini

Intervento al XXI Congresso di magistratura democratica

Bologna, 4 novembre 2016

Ho sottoscritto il documento sul senso di Md, ed al suo contenuto mi richiamo.

Mi riconosco anche nel documento dei giudici civili e del lavoro di Roma, che ha descritto con efficacia il livellamento, l'uguaglianza al ribasso realizzata dalla più recente legislazione sul lavoro, che tra l'altro ha reso noi giudici del lavoro prevalentemente giudici del lavoro precario.

Condivido il documento sul senso di md perché credo che la fusione a freddo non abbia creato un amalgama abbastanza cementato e perché a livello centrale (CSM e ANM) mi sento sotto-rappresentato.

So che non si può tornare sul deliberato degli altri congressi, ma ci si può anche fermare ad una federazione agile, dove è utile, e rivedere il meccanismo delle primarie.

Le iniziative comuni sono benvenute, come quella, riuscitissima, promossa da Area Roma sulla situazione in Turchia. All'interno di MEDEL, Md e Movimento per la giustizia lavorano benissimo assieme, non necessariamente con una voce sola. Del resto il pluralismo è un  valore dell'associazionismo giudiziario, e la sintesi confluisce, nel modello italiano, nell'ANM.

Vorrei qui brevemente sottolineare l'importanza di Md  nella sua storia e nella sua attualità, nel panorama dell'associazionismo giudiziario europeo e della magistratura progressista in generale.

Progressista perché md rivendica ed esprime, all'interno di MEDEL come associazione di giudici e PM europei, una scelta di campo per una visione della giurisdizione democratica, inserita nel dibattito della società civile, responsabile della protezione dei diritti fondamentali, dello Stato di diritto, della protezione dei più deboli, e che crede nell'integrazione europea.

Le sfide di questa congiuntura sono gigantesche:

•    il fenomeno (cerco il termine il più possibile neutro e privo di connotazioni di valore) delle migrazioni globali, su cui nessuno ha soluzioni a breve termine, e che mette a dura prova la capacità delle democrazie europee di mantenere le garanzie raggiunte per tutti; md ha un patrimonio ormai di decenni di elaborazione culturale sulla materia, e MEDEL ha da ultimo animato un partecipato seminario a Parigi sul tema due settimane fa;

•    la tragedia della democrazia in Turchia, con l'associazione di magistrati membro di MEDEL sciolta per decreto governativo, 3000 giudici arrestati e destituiti, senza dimenticare avvocati, giornalisti, professori, ecc., e l'afasia delle istituzioni in proposito;

•    la crisi dell’UE, con la Brexit che ha dato un colpo durissimo all'integrazione, ed il populismo di una serie di governi che ne bloccano l'azione;

•    il terrorismo globale (voglio qui solo ricordare il workshop di Pisa nell'inverno scorso).

Non voglio qui lanciare allarmi, anche se c’è chi teorizza che il ruolo di lanceur d’alerte concretizzi la giurisdizione del 21º secolo. Voglio invece dire che abbiamo un campo d'azione molto vasto, oltre all'irrinunciabile azione sindacale, soprattutto di protezione dell'indipendenza interna, su cui come associazione di magistrati progressisti, aperta da sempre al confronto ed all'elaborazione intellettuale collettiva, abbiamo detto molto e soprattutto abbiamo molto da dire.

Gualtiero MICHELINI

14 novembre 2016
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti