Speciale XXI Congresso

L'intervento di Diego Loveri

INTERVENTO AL XXI CONGRESSO NAZIONALE DI MAGISTRATURA DEMOCRATICA

di Diego Loveri

In occasione del XXI Congresso Nazionale di Magistratura Democratica porgo il saluto di Unità Democratica Giudici di Pace  Onorari e mio personale ,unito al  ringraziamento  per l’invito del Presidente di MD Carlo De Chiara e della Segretaria generale Anna Canepa  a questo importante 21° Congresso con il tema “ Disuguaglianze- Compiti della giurisdizione- Il progetto di MD” .

La condivisione  nelle Associazioni MD ed UDgdpo delle idee ,dei valori e principi  fondamentali ,dello statuto, del rispetto dei principi di legalità , di giustizia e di giurisdizione,  è volta al riconoscimento ed alla tutela dei più deboli e di  coloro che subiscono gli effetti delle disuguaglianze.

“Disuguaglianze” è anche il tema del XXI congresso di MD ed è proprio su questo aspetto della società contemporanea che vorrei far presente che oggi, più di ieri ,si palesano diversità tra coloro ,che pur rispettando la legislazione, si trovano a subire ingiustizie e diversità di trattamento,  mentre coloro che continuano ad eludere gli obblighi giuridici, morali e sociali, nonostante la costituzione della Repubblica italiana preveda  nei minimi particolari tali doveri, accrescono il loro potere economico e politico . E la diseguaglianza continuerà ad aumentare.

E tra le disuguaglianze ricordiamo che la magistratura onoraria di pace, pur avendo avuto qualche recente provvedimento legislativo(Legge n.57/2016) che le ha riconosciuto un ruolo e una specificità ,continua ,purtroppo, ad essere sottovalutata
con  l’attuale funzione non corrispondente alla volontà della stessa Costituzione, riguardo all’articolo 106 della Costituzione stessa   e le interpretazioni giurisprudenziali di questi anni hanno ribadito una  subordinazione ed una  disuguaglianza  con la magistratura ordinaria togata. La legislazione attuale, purtroppo, va in senso contrario ai principi costituzionali in materia , continuando ad ignorare le specificità e le  aspirazioni di coloro che intendono dedicarvici a tempo pieno.

Non a caso UDGDPO pose, tra i primi principi da far rispettare nell’ordinamento della magistratura onoraria, quello dell’incompatibilità ,in tutto il territorio nazionale, della giurisdizione onoraria con l’esercizio della professione forense. D’altra parte la funzione giurisdizionale non poteva essere retribuita con il criterio del cottimo ,collegato all’espletamento quantitativo delle funzioni giurisdizionali, piuttosto che  privilegiare l’aspetto qualitativo collegato ad un  sistema retributivo indennitario fisso.

Il coordinamento degli uffici dei giudici di pace, poi, doveva essere garantito a tempo pieno da coloro che, provenienti dalla magistratura professionale e di carriera, fossero dotati di competenze organizzative  manageriali aggiornate, riuscendo a dare una nuova disciplina della stessa organizzazione degli uffici dei giudici di pace, rispondenti alle istanze della collettività e dell’intera utenza, proprio perché l’esercizio dell’azione giurisdizionale rispondesse a criteri costituzionali ed europei.

La magistratura onoraria di pace , invece ,ha subito un’involuzione legislativa e, pur garantendo l’abolizione del meccanismo nefasto delle proroghe ,il Governo non ha accolto le istanze della categoria ,costretta ripetutamente a interruzioni dovute a programmazioni di astensioni dalle udienze, come sta accadendo in questi giorni con una nuova settimana di sciopero della categoria ,programmata per la fine di novembre ,proprio a ridosso del referendum costituzionale.

Referendum costituzionale al quale Unità democratica giudice di pace Onorari ha già deciso da tempo di rispondere con un secco NO , perché non possono essere alterati ,secondo noi, i valori costituenti del  bilanciamento dei poteri  legislativi  della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica e di un diverso sistema elettorale che non  premiasse una minoranza in modo smisurato tanto da farla diventare maggioranza assoluta.

Con MD Unità democratica giudici di pace  onorari ha  conservato una particolare attenzione agli aspetti umani e giuridici dell’immigrazione  del diritto di asilo e del dovere dell’accoglienza.
La legislazione attuale dell'immigrazione ,pur mitigata da alcune recenti modifiche come la limitazione dei mesi di trattenimento nei CIE degli stranieri espulsi da 18 a 3 , contribuisce negativamente a disciplinare il settore , proprio grazie agli effetti di un modo di legiferare sotto la pressione  di una minoritaria  folla reazionaria, ,che vedeva e vede nell’immigrazione regolare stessa un pericolo e non un contributo all’evoluzione economica del nostro Paese, per non parlare poi degli Hotspot e delle relative accuse di violazioni dei diritti umani, non essendo  sottoposti nemmeno a controllo giurisdizionale.

Come ultima nostra partecipazione vi  è quella che va nella direzione della condivisione del documento congressuale“ Il senso di MD” in quanto,  interrogati quotidianamente sulla necessità o meno di difendere i traguardi ,così faticosamente raggiunti, anche noi ci siamo posti questo amletico dubbio se scioglierci ,per rientrare in una diversa forma associativa, o continuare per la tortuosa ma entusiasmante strada conosciuta di un’associazione che si è distinta dalle altre, contrassegnando  vittorie e soddisfazioni con sacrifici personali e di carriera, subendo anche differenti diffamanti campagne di stampa, durante i periodi critici della nostra storia nazionale. Ed abbiamo scelto di continuare così come prima.

Per questi motivi noi siamo con MD perché resti  e rimanga la massima collaborazione in più settori e campi della giurisdizione con il vivo spirito che ci ha animato e fortificato in questi anni come associazioni che  si richiamano ai valori della Costituzione e  del contrasto alle disuguaglianze.

Auguri di buon lavoro congressuale.

BOLOGNA 4/11/2016                                                               Diego Loveri
                                                                                   (presidente UDGDPO)

5 novembre 2016
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.