Speciale

XIX Congresso Nazionale

Mozione di Area

MOZIONE APPROVATA DAL XIX CONGRESSO DI MAGISTRATURA DEMOCRATICA

 

Gli iscritti di MAGISTRATURA DEMOCRATICA che credono e intendono proseguire nel percorso di Area

 

PROPONGONO LA SEGUENTE MOZIONE

 

Al congresso di Napoli venne approvata una mozione che impegnava MD "a promuovere in ogni distretto assemblee aperte e forme stabili di collegamento dei magistrati dell’Area, a individuare iniziative comuni ai due gruppi e aperte all’Area, a favorire la presentazione di liste di Area, con la scelta di candidati comuni attraverso meccanismi aperti a tutti i magistrati anche non iscritti".

 

Questi impegni sono stati mantenuti e MD si riconosce nel percorso sinora fatto, culminato nella prima Assemblea di Area e descritto nel documento congressuale “Costruire Area”.

 

MD deve ora essere protagonista del progetto di definizione dell’identità politica e culturale di Area, che proprio dal patrimonio di MD deve trovare linfa.

 

Anche grazie a MD Area esiste già, nei fatti e nella convinzione dei magistrati che vi si riconoscono.

 

Dobbiamo tutti lasciarci alle spalle ogni riservapreconcetta, impegnandoci per accelerare ed imprimere forza stabilizzatrice al movimento.

 

Occorre impegnarsi affinchèi valori di Area sianoin continuità con quelli del nostro gruppo.

 

MD deve portare in Area i temidel ruolo costituzionale della magistratura, del garantismo penale e del finalismo rieducativo della pena, della tutela della salute e del lavoro, dell'immigrazione, dell'innovazione, dell'autogoverno trasparente, del modello di magistrato fondato sulla professionalità, sulla partecipazione all'organizzazione dell'ufficio e, infine, sulla consapevolezza del contesto socioeconomico in cui si muove la giurisdizione.

 

Solo così MD saprà diventare il motore del movimento di Area.

Fare Area e in Area investire non significa creare una nuova corrente e “liquidare” MD, ma valorizzare e accrescere il suo patrimonio.

 

 

Il congresso impegna il Gruppo e il CN che sarà eletto a:

 

·        Proseguire nella creazione di Area, prevedendo e istituendo forme di coordinamento nazionali e locali;

·        Partecipare con ruolo trainante alla definizione della Carta dei Valori, riversando all'interno di Area il suo patrimonio di esperienze, valori, capacità di elaborazione politico-culturale;

·        Promuovere un'assemblea che decida le modalità di partecipazione ad Area dei due gruppi fondatori e dei non iscritti;

·        Presentare in tutte le competizioni elettorali dell’autogoverno e dell’associazionismo liste di Area con candidati scelti attraverso primarie o meccanismi aperti a tutti i magistrati, anche non iscritti, che aderiscono alla Carta dei Valori e al programma di Area;

·        Riconoscere e designare i candidati al CSM e a tutti gli organi dell’ANMsecondo le modalità sopra descritte.

·         

 

- MOZIONE approvata all’unanimità con tre voti contrari -

 

 

3 febbraio 2013
Ultimi articoli
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019
In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

di Edmondo Bruti Liberati
In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo
In ricordo

Per Salvatore Senese

di MD Toscana
Il vuoto lasciato dalla sua scomparsa non è di quelli che possano essere facilmente colmati. Non lo sarebbe stato in nessuna fase della vita di Magistratura democratica. Ma oggi, con tutto quello che sta succedendo, è facile capire che quel vuoto rimarrà per molto tempo ad ammonirci
In ricordo

Salvatore Senese, la sua lezione di fronte allo squallore di oggi

Proponiamo il brano di Luigi Ferrajoli pubblicato da il manifesto del 18 giugno 2019.

Nelle sue parole, il miglior antidoto alla demagogia di chi chiede il dissolvimento delle associazioni e, così facendo, impedisce un reale cambiamento delle stesse o propone di cambiare tutto per non cambiare niente. (L’Esecutivo nazionale di Magistratura democratica)