Shoah

Mostre e dibattiti

La giornata della memoria all'Onu

Attorno alla Giornata della memoria fioriscono presso le Nazioni Unite molte iniziative che ricordano la Shoa: dibattiti, mostre, riunioni di lavoro.
 
Mostre
Nello stesso padiglione dove da novembre a inizi gennaio è stata ospitata una mostra fotografica sulla storia della Palestina degli ultimi decenni (The Long Journey - v. foto), si apre adesso una mostra dal titolo "Shoa: how it was humanly possible ?" 

Da La giornata della memoria all'Onu

Poco distante una seconda mostra e` stata inaugurata due giorni fa col titolo "Forbidden Art" e raccoglie (v. foto) disegni, statue e altri oggetti creati da coloro che erano rinchiusi nei campi di concentramento.

Da La giornata della memoria all'Onu

Se facciamo un percorso a ritroso e guardiamo alle tre mostre con occhio di osservatore esterno, è impressionante il legame che tiene assieme i fatti di sette anni fa con quello che succede ancora oggi in Palestina/Israele, e purtroppo altrove.

Tra i tanti dibattiti di questi giorni e dei prossimi, merita una segnalazione quello organizzato il 21 Gennaio dalla Missione polacca con il titolo "Perché abbiamo fallito nel prevenire i genocidi e come cambiare le cose?". Ha fatto effetto ascoltare l`uno dopo l`altro gli interventi degli ambasciatori alle UN di (nell'ordine) Polonia, Usa, Russia, Inghilterra, Francia, Rwanda, Israele, Germania, intervallati dagli interventi del Vice Segretaro Generale Eliasson, dai direttori del Museo di Auschwitz-Birkenau e del Museo Nazionale Polacco, il direttore di Human Rights Watch e il Consigliere speciale sul genocidio del Segretario Generale.

Da La giornata della memoria all'Onu

Particolarmente significativo l`abbraccio fra l`Ambasciatore del Rwanda e il direttore del Museo di Auschwitz-Birkenau.

Ma, al di là  dei profili più emozionali, è stato rcordato un po` da tutti come gli strumenti legislativi internazionali contro il genocidio e i crimini connessi già esistano e siano sulla carta efficaci. Con la conseguenza che quanto accaduto in Rwanda e nella ex Jugoslavia e quanto ancora accade sono da imputarsi alla "mancanza di volonta` politica" di cogliere per tempo i segnali e di intervenire per prevenire deportazioni e uccisioni di massa.

Non sempre è così (v. intervento che ha salvato decine di migliaia di Yatzidi) e talvolta nel pieno delle crisi non sono mancati singoli individui capaci di farsi carico dei bisogni e dei rischi altrui e di salvare coraggiosamente centinaia o migliaia di vite.

Si colloca qui, sul piano della effettività degli strumenti esistenti, la proposta (demagogica ma intelligente) dei francesi di modificare le regole del CDS e di escludere il diritto di veto per i fatti di genocidio, i crimini di guerra e i crimini contro l`umanità.

(27 gennaio 2015)

27 gennaio 2015
Ultimi articoli
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 MAGGIO, GIORNO DI ALLERTA PER L'INDIPENDENZA DELLA GIUSTIZIA

Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda in questi giorni anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto, e condannato a di 10 anni in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede - Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Betta Cesqui
Tecnologia e processo

Non si stravolga il principio dell’oralità e immediatezza: il processo vero si fa in aula

di Mariarosaria Guglielmi
La tecnologia può assicurare efficienza, ma i nuovi strumenti devono essere governati e non subiti. È necessario investire sul processo penale telematico, favorendo l’accesso digitale agli atti e la circolazione dei documenti. Occorre smaterializzare le carte, non le persone
Coltivazione domestica

Canapa sul balcone: parole nette dalla Cassazione

di Riccardo De Vito
La sentenza delle Sezioni Unite ha le carte in regola per evitare un rigorismo repressivo che, sinora, ha ottenuto soltanto il risultato di allungare la catena dello spaccio. Ma adesso è indispensabile che il legislatore riprenda la parola per ridisegnare la disciplina delle droghe leggere
Ricordando Walter

Ciao Walter, addio amico amato: modello dell’essere e del fare

di Olindo Canali
È già trascorso un anno da quando Walter Mapelli ci ha lasciato. Walter faceva parte della comunità di Magistratura democratica. Desideriamo ricordarlo con le parole di Olindo Canali, che ringraziamo per questo bel ritratto di Walter