Shoah

Mostre e dibattiti

La giornata della memoria all'Onu

Attorno alla Giornata della memoria fioriscono presso le Nazioni Unite molte iniziative che ricordano la Shoa: dibattiti, mostre, riunioni di lavoro.
 
Mostre
Nello stesso padiglione dove da novembre a inizi gennaio è stata ospitata una mostra fotografica sulla storia della Palestina degli ultimi decenni (The Long Journey - v. foto), si apre adesso una mostra dal titolo "Shoa: how it was humanly possible ?" 

Da La giornata della memoria all'Onu

Poco distante una seconda mostra e` stata inaugurata due giorni fa col titolo "Forbidden Art" e raccoglie (v. foto) disegni, statue e altri oggetti creati da coloro che erano rinchiusi nei campi di concentramento.

Da La giornata della memoria all'Onu

Se facciamo un percorso a ritroso e guardiamo alle tre mostre con occhio di osservatore esterno, è impressionante il legame che tiene assieme i fatti di sette anni fa con quello che succede ancora oggi in Palestina/Israele, e purtroppo altrove.

Tra i tanti dibattiti di questi giorni e dei prossimi, merita una segnalazione quello organizzato il 21 Gennaio dalla Missione polacca con il titolo "Perché abbiamo fallito nel prevenire i genocidi e come cambiare le cose?". Ha fatto effetto ascoltare l`uno dopo l`altro gli interventi degli ambasciatori alle UN di (nell'ordine) Polonia, Usa, Russia, Inghilterra, Francia, Rwanda, Israele, Germania, intervallati dagli interventi del Vice Segretaro Generale Eliasson, dai direttori del Museo di Auschwitz-Birkenau e del Museo Nazionale Polacco, il direttore di Human Rights Watch e il Consigliere speciale sul genocidio del Segretario Generale.

Da La giornata della memoria all'Onu

Particolarmente significativo l`abbraccio fra l`Ambasciatore del Rwanda e il direttore del Museo di Auschwitz-Birkenau.

Ma, al di là  dei profili più emozionali, è stato rcordato un po` da tutti come gli strumenti legislativi internazionali contro il genocidio e i crimini connessi già esistano e siano sulla carta efficaci. Con la conseguenza che quanto accaduto in Rwanda e nella ex Jugoslavia e quanto ancora accade sono da imputarsi alla "mancanza di volonta` politica" di cogliere per tempo i segnali e di intervenire per prevenire deportazioni e uccisioni di massa.

Non sempre è così (v. intervento che ha salvato decine di migliaia di Yatzidi) e talvolta nel pieno delle crisi non sono mancati singoli individui capaci di farsi carico dei bisogni e dei rischi altrui e di salvare coraggiosamente centinaia o migliaia di vite.

Si colloca qui, sul piano della effettività degli strumenti esistenti, la proposta (demagogica ma intelligente) dei francesi di modificare le regole del CDS e di escludere il diritto di veto per i fatti di genocidio, i crimini di guerra e i crimini contro l`umanità.

(27 gennaio 2015)

27 gennaio 2015
Ultimi articoli
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.