Scuola magistratura, il commento

di Luigi Marini
"Nascita travagliata, adesso trasparenza"

di Luigi Marini

L’insediamento del comitato direttivo che ha il compito di guidare e gestire la nuova scuola della magistratura è un fatto di grande importanza.

Una nascita travagliata, in cui tutte le incoerenze e l’ideologia dei governanti hanno aggiunto problema a problema.

Il discorso di saluto pronunciato dalla Ministro della Giustizia ha avuto un taglio e  contenuti ben diversi da quelli che hanno caratterizzato gli interventi di chi la ha preceduta ed ha aperto prospettive di razionalità lontane dalle logiche ideologiche e ottuse che avremmo potuto trovarci davanti. Questo fa ben sperare per un buon avvio del difficile percorso che attende il comitato direttivo.

Il passaggio dalla formazione consiliare a quella che ci attende dovrà avvenire in modo progressivo e richiederà molte scelte e molti passaggi intermedi da affrontare con lucidità, buon senso e volontà di raggiungere il migliori risultato;  richiederà collaborazione fra le istituzioni; richiederà, tra l’altro, la capacità di non agire secondo logiche di appartenenza e di costruire una direzione collegiale all’altezza del compito.

Credo che la trasparenza dei percorsi decisionali e delle scelte delle diverse amministrazioni debba, in questo contesto, costituire una priorità per una formazione che sia al servizio di tutti.

1 dicembre 2011
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore