Pillole

Considerazioni sul referendum

di G. Palombarini

di Giovanni Palombarini

E’ vero, Stefano Rodotà e il nostro Mimmo Gallo, con altri,  lo avevano scritto a chiare lettere: l’inammissibilità del referendum era largamente prevedibile se non addirittura scontata (anche se qualche giurista importante era di opinione diversa). Come è  vero che la corte costituzionale va difesa, essendo stata in questi anni un punto di resistenza forte al “berlusconismo”, anche se qualche comportamento di qualche giudice è apparso in passato inopportuno. Come è vera  - e meritevole di riflessione -  la circostanza che il referendum proposto da Passigli e Ferrara non ha trovato alcun appoggio, né in sede politica né in sede sindacale (Giovanni Ferrara, mi pare di ricordare, sperava molto, inutilmente, nell’adesione della Cgil), nonostante fosse significativo per quel che voleva abrogare e certamente ammissibile, tanto che i proponenti vi hanno rinunciato.

Si può però a questo punto fare una considerazione a due facce. La prima. In tanto si è cominciato a parlare di una riforma della “porcata” in quanto il referendum che è fallito è stato proposto. I boss che guidano i partiti oggi rappresentati in parlamento, al di là di tante critiche alla legge, di certo non avrebbero fatto alcuna mossa per cambiarla, non solo perché attribuisce loro un enorme potere, ma anche perché non hanno un’idea del come modificarla. La seconda faccia. Al di là di tante parole, dopo l’esito della vicenda, gli stessi boss non si muoveranno (Berlusconi ha già fatto sapere, la cosa era scontata, che la legge va bene così, salvo qualche correzione per il senato; per Bossi questa legge rappresenta l’unica speranza - anche se a mio giudizio si tratta di un’illusione -  di tornare un giorno al governo; il Pd è profondamente diviso al proprio interno; la proporzionale fa paura a tutti). Che se poi quella che viene chiamata “l’antipolitica” (cioè la crescente delusione popolare per questo modo di gestire le istituzioni della Repubblica) dovesse esprimersi attraverso l’aumento dell’astensionismo, la circostanza sarebbe per loro irrilevante, visto che comunque la “porcata” li garantirebbe.

Per i democratici  - anche per Md? – si pone oggi il compito di tenere vivo il problema presso l’opinione pubblica, in attesa di qualche novità politica. Che non è un compito da poco

13 gennaio 2012
Ultimi articoli
Minori

Prime riflessioni sul Ddl Pillon

di Giulia Marzia Locati
Dal superiore interesse del minore ad una visione adulto centrica delle relazioni familiari
Medel/Aed

Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés)/Aed (Avocats Européens Democrates): Magistrati e Avvocati dalla parte dei valori comuni

di Mariarosaria Guglielmi
Le conclusioni comuni della conferenza internazionale L’indipendenza della Giustizia in Europa, Magistrati/Avvocati/Duo/Duel (Bruxelles, 26 maggio 2018)
Rassegna

I magistrati democratici europei: «Le costituzioni affermino il ruolo dell’avvocato»

Il Dubbio, 29 settembre 2018
Polonia

Encj: il Consiglio di Giustizia (KRS) non è un'istituzione indipendente

Le riforme della giustizia hanno prodotto una crisi sistemica dello Stato di diritto. Il KRS non è in grado di sostenere il sistema giudiziario nell’esercizio indipendente della giurisdizione
Per Pasquale Sibilia

Formidabili quegli anni

di Carlo Sorgi
Un ricordo di Pasquale Sibilia da parte di un suo uditore
Rassegna

De Vito: «Da Salvini parole quasi eversive. Il consenso popolare? Non ci riguarda»

Parla il presidente di Magistratura democratica, Riccardo De Vito (Il Dubbio)