Pillole

Il caso Fiat...Ma insomma

di G. Palombarini

di Giovanni Palombarini

"Insomma. E’ avvenuto che una sentenza ha sancito che il licenziamento da parte della Fiat di tre operai, delegati o iscritti alla Fiom, è stata una rappresaglia antisindacale; e che all’ordine di reintegro dei tre la Fiat ha risposto signornò.

Avviene inoltre che Maurizio Landini vada ripetendo in ogni sede, senza che nessuno lo smentisca, che dalle riassunzioni nello stabilimento di Pomigliano gli iscritti alla Fiom sono costantemente esclusi. Ma insomma.

E’ possibile che rispetto a tali fatti, che violano anche principi fondamentali della Costituzione, nessuno abbia nulla da ridire? Neppure chi ha nel nostro ordinamento un ruolo essenziale di garanzia?

30 marzo 2012
Ultimi articoli
Ricordando Walter.

Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta

Oggi al duomo di Monza una folla di donne e di uomini ha salutato Walter Mapelli, Procuratore della Repubblica di Bergamo che ci ha lasciato l’8 aprile, dopo una lunga malattia
Polonia.

Il messaggio dei giudici polacchi aderenti a Iustitia

La testimonianza dell’impegno a contrastare la crisi dello Stato di diritto
21 marzo: Giornata della Memoria e dell’Impegno per le vittime di mafie.

Dare un senso all’impegno

di Stefano Musolino
Un giorno per rammentare il senso dell’operare e gettare nuove basi per una più efficace azione di contrasto alle mafie
Rassegna.

Ezia Maccora «Più attenzione alle parole usate nelle sentenze»

L’intervista al Corriere della Sera a cura di Fiorenza Sarzanini, 14 marzo 2019
Romania.

Crisi dello Stato di diritto in Romania

La dichiarazione di Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et Les Libertés) sulla crisi dello stato di diritto in Romania e sulle riforme avviate nel 2017 che mettono a rischio l’indipendenza del sistema giudiziario e l’azione di contrasto al fenomeno della corruzione
Rassegna.

Mariarosaria Guglielmi: «Difendiamo i diritti, non siamo avversari politici del Governo»

L’intervista a Il Manifesto, 5 marzo 2019