Pillole

Numero chiuso in carcere

di G. Palombarini

Riprende a circolare l’idea, a mio giudizio pessima, di costruire nuove prigioni per far fronte all’attuale sovraffollamento (e, sia detto per inciso, alla ulteriore marginalizzazione delle persone per una ragione o per l’altra in condizioni di disagio sociale). Md deve respingere questa prospettiva. E’ vero. Non è questa la stagione per le riforme ispirate alla logica del diritto penale minimo.

In attesa che questa stagione si apra, sperabilmente con la prossima legislatura, e preso atto della modesta efficacia delle leggi “svuota carceri” del 2010 e del 2012 che hanno lasciato praticamente irrisolto il problema, Md può rilanciare l’idea del “numero chiuso” in carcere (ne ho scritto con Carlo Renoldi, qualche anno fa, su Questione Giustizia).

In sintesi. Eccezion fatta per i reati particolarmente gravi, per i quali sarà necessario procedere immediatamente all’esecuzione della sentenza di condanna, per gli altri si programmano entrate scaglionate in relazione alla disponibilità di posti, prevedendo per i condannati eccedenti il decorso immediato della pena in detenzione domiciliare.

Su un’idea del genere si potrebbe costruire un convegno, certamente insieme ai Giuristi Democratici, forse anche con l’Arci. Che ne dite?

20 aprile 2012
Ultimi articoli
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti
Caldarozzi alla Dia

De Vito, presidente di Md: «Sorpreso da questa promozione»

L'intervista a Il Manifesto, 28 dicembre 2017