Pillole

Numero chiuso in carcere

di G. Palombarini

Riprende a circolare l’idea, a mio giudizio pessima, di costruire nuove prigioni per far fronte all’attuale sovraffollamento (e, sia detto per inciso, alla ulteriore marginalizzazione delle persone per una ragione o per l’altra in condizioni di disagio sociale). Md deve respingere questa prospettiva. E’ vero. Non è questa la stagione per le riforme ispirate alla logica del diritto penale minimo.

In attesa che questa stagione si apra, sperabilmente con la prossima legislatura, e preso atto della modesta efficacia delle leggi “svuota carceri” del 2010 e del 2012 che hanno lasciato praticamente irrisolto il problema, Md può rilanciare l’idea del “numero chiuso” in carcere (ne ho scritto con Carlo Renoldi, qualche anno fa, su Questione Giustizia).

In sintesi. Eccezion fatta per i reati particolarmente gravi, per i quali sarà necessario procedere immediatamente all’esecuzione della sentenza di condanna, per gli altri si programmano entrate scaglionate in relazione alla disponibilità di posti, prevedendo per i condannati eccedenti il decorso immediato della pena in detenzione domiciliare.

Su un’idea del genere si potrebbe costruire un convegno, certamente insieme ai Giuristi Democratici, forse anche con l’Arci. Che ne dite?

20 aprile 2012
Ultimi articoli
Immigrazione

Dichiarazione di Medel (Magistrats européens pour la démocratie et les libertés) sulle attività di soccorso in mare e il decreto sicurezza-bis

Di fronte alle scelte degli stati membri che sono in aperto conflitto con i valori sui quali l’Unione si fonda, l’Europa deve rimanere fedele alla sua storia e alla sua identità e adottare con urgenza una politica in materia di immigrazione per garantire la  tutela effettiva dei diritti di tutte le persone, che rappresenta un  limite invalicabile per  tutti i governi e i legislatori nazionali
Rassegna

«Il diritto alla vita vale meno di un ordine al governo»

«Il decreto sicurezza bis trascina il nostro Paese in un mondo capovolto rispetto al progetto costituzionale democratico dell’Italia repubblicana», dice il presidente di Magistratura democratica Riccardo De Vito.
(Il Manifesto, 7 agosto 2019)
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019
In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

di Edmondo Bruti Liberati
In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo