Riviste QG

Speciale processo Thyssen

La sicurezza sui luoghi di lavoro

presentazione a cura di Luigi Marini

Il n.2/2012 di Questione Giustizia è interamente dedicato al processo Thyssen e al tema della sicurezza sui luoghi di lavoro.

Un’analisi ragionata della sentenza, di cui sono riportati ampi stralci nella prima parte del volume, ci è sembrata un’utile occasione per affrontare il tema della sicurezza sul lavoro da più punti di vista: i riflessi civilistici e la monetizzazione della salute; i profili dell’organizzazione aziendale e il suo impatto sulla salute dei lavoratori; il tema della responsabilità delle persone giuridiche; i profili dell’organizzazione degli uffici giudiziari e dell’effettività dell’intervento di controllo. Il tutto accompagnato da un ampio intervento che “fa la storia” della tutela della salute sui luoghi di lavoro e affronta i nodi politici dell’attualità.

Il dibattito su responsabilità colposa e dolosa, che non può essere compreso se separato dalle specificità della vicenda Thyssen, non poteva esaurire la nostra attenzione, perché di lavoro si muore ogni giorno e perché la fabbrica continua a uccidere le persone che vivono nei dintorni.

L’intervento della magistratura è stato decisivo per sostenere nei decenni la crescita culturale e politica che ha aumentato i livelli di tutela, ma quell’intervento e quella tutela non hanno fatto abbastanza. Di qui il richiamo a un impegno chedeve restare alto e farsi sempre più concreto (si rinvia anche ai documenti delle procure piemontesi e al commento pubblicati sul n.1/2011 della Rivista).

Gli articoli presenti sul volume sono scaricabili dal sito di Franco AngeliEditore.

A propositodi effettività di tutela, sono reperibili sul nostro sito il protocollo stipulato dalle procure della Repubblica toscane, coordinate dal procuratore generale Beniamino Deidda, con gli enti pubblici competenti in materia di sicurezza sul lavoro; la circolare 2008 della Procura generale di Torino (testo pubblicato su Il Foro Italiano); le istruzioni date dal Procuratore della Repubblica di Alba (v. n.1/2011 di Questione Giustizia).

 

IL SOMMARIO

Introduzione. Mai più

Parte prima. La sentenza Thyssen. Corte assise Torino - 15 aprile 2011 pres. Iannibelli, est. Dezani - imp. Espenhahn + 5

Beniamino Deidda, Dall’ineluttabile fatalità al processo Thyssen

Andrea Natale, Dopo la Thyssen

Roberto Riverso, Le statuizioni civili della sentenza Thyssen

Daniele Di Nunzio, Modelli organizzativi, sistemi di gestione della salute e sicurezza e benessere dei lavoratori

Luigi Marini, Sicurezza sul lavoro, intervento giudiziario e organizzazione degli uffici. Considerazioni minime per una quotidianità diffusa

Luca Poniz, Intervento di tutela e responsabilità delle persone giuridiche

Hanno collaborato a questo fascicolo



DOCUMENTI IN PDF:

18 luglio 2012
Ultimi articoli
Ricordando Walter.

Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta

Oggi al duomo di Monza una folla di donne e di uomini ha salutato Walter Mapelli, Procuratore della Repubblica di Bergamo che ci ha lasciato l’8 aprile, dopo una lunga malattia
Polonia.

Il messaggio dei giudici polacchi aderenti a Iustitia

La testimonianza dell’impegno a contrastare la crisi dello Stato di diritto
21 marzo: Giornata della Memoria e dell’Impegno per le vittime di mafie.

Dare un senso all’impegno

di Stefano Musolino
Un giorno per rammentare il senso dell’operare e gettare nuove basi per una più efficace azione di contrasto alle mafie
Rassegna.

Ezia Maccora «Più attenzione alle parole usate nelle sentenze»

L’intervista al Corriere della Sera a cura di Fiorenza Sarzanini, 14 marzo 2019
Romania.

Crisi dello Stato di diritto in Romania

La dichiarazione di Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et Les Libertés) sulla crisi dello stato di diritto in Romania e sulle riforme avviate nel 2017 che mettono a rischio l’indipendenza del sistema giudiziario e l’azione di contrasto al fenomeno della corruzione
Rassegna.

Mariarosaria Guglielmi: «Difendiamo i diritti, non siamo avversari politici del Governo»

L’intervista a Il Manifesto, 5 marzo 2019