Razzismo

Fatti di Torino e Firenze

"Preoccupante clima di intolleranza"

ROMA - Magistratura democratica esprime una forte preoccupazione per il clima di intolleranza e razzismo manifestatosi da ultimo con il raid al campo Rom di Torino e la sparatoria di Firenze contro i senegalesi. I due episodi segnalano l’accentuazione dell’insofferenza di una parte della popolazione nei confronti degli extracomunitari, vissuti come invasori e usurpatori soprattutto dalle classi più povere, anche a causa della crisi economica e dell’atteggiamento di forze politiche che hanno fomentato i più bassi istinti della popolazione.

Da tempo, i flussi migratori vengono vissuti solo alla stregua di una questione di ordine pubblico. Lo straniero è trattato alla stregua di un “nemico da combattere”, come dimostra l’introduzione, nel 2009, del reato di immigrazione clandestina che punisce non fatti specifici ma una condizione umana (uno status).

La recente legislazione, peraltro, rende più difficile la regolarizzazione ed agevola il passaggio alla clandestinità anche dei migranti regolari. La previsione del c.d. permesso a punti degrada il diritto dello straniero a permanere nel territorio dello Stato in forza di un permesso di soggiorno a semplice concessione revocabile in base a criteri discrezionali, facendo precipitare anche il migrante regolare, oltre al clandestino, ad un grado di precarietà e di ricattabilità mai raggiunti prima.

D’altra parte l’assenza di una legislazione efficace contro il razzismo e la xenofobia non aiuta a migliorare il clima. Certe scelte, nel determinare l’evidente peggioramento della vita dello straniero in Italia, rischiano di deteriorare il tessuto democratico di un Paese la cui Carta Costituzionale si fonda sui valori della uguaglianza e della tutela della dignità di ogni persona, sia o meno cittadino italiano.

In un clima politico che sembra smussare i contrasti tra le forze parlamentari, Magistratura democratica auspica un ripensamento della legislazione vigente e interventi del Governo non solo in materia economica ma anche sul piano del riconoscimento di una tutela giuridica a soggetti che ne sono quasi del tutto privi.

Piergiorgio Morosini

Luigi Marini

15 dicembre 2011
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Senza paura. Nel nome della sicurezza e dei diritti si approvi la riforma

L’appello di Md e Antigone a tutte le forze politiche
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti