Proposte - Giustizia

I nodi da superare

di Luigi Marini

ROMA, 29 gennaio - La crisi economica mette in luce tutte le difficoltà e le criticità di un Paese che non ha mai brillato per buona amministrazione delle risorse pubbliche e che ha male investito i propri fondi fino a raggiungere un debito insostenibile senza dotarsi delle strutture, dei servizi e delle professionalità che sarebbe stato possibile creare e formare. 

La crisi economica, che è crisi di ceto dirigente e produttivo prima ancora che finanziaria, evoca la necessità di dare tutela a coloro che stanno perdendo o non hanno mai avuto pari dignità e pari opportunità, e non solo la necessità di risposte giudiziarie che accompagnino la ripresa economica e il sostegno a chi produce. I due versanti non possono procedere disgiunti, perché solo la garanzia dei diritti e della dignità delle persone può assicurare un sistema complessivamente equilibrato e una "ripresa" del Paese che non si misuri esclusivamente in quantità di moneta circolante, di consumi e di esportazioni.

Perché questo avvenga,  occorre procedere a interventi positivi e rimuovere ostacoli al pieno dispiegarsi delle potenzialità che il sistema giustizia possiede e non riesce ad esprimere, in parte per limiti propri e in parte per carenze di sistema. Nel corso delle cerimonie di inaugurazione dell'anno giudiziario sono stati indicati percorsi importanti per dare più efficienza, credibilità ed efficacia alla giurisdizione. Ma restano nodi inespressi che hanno, invece, grande rilievo per la qualità della giustizia e i bisogni del Paese e delle singole persone. 

Non possiamo allora passare sotto silenzio la necessità di superare una visione politica che accresce le diseguaglianze, impoverisce  i diritti personali e sociali, accentua il ricorso alla giustizia come ultima difesa di beni che dovrebbero trovare sostegno nelle politiche pubbliche prima che nella aule dei tribunali civili e penali.

Allo stesso modo va ripensato un  sistema di regole, di autorità e di controlli pubblici che non riesce a intercettare gli abusi finanziari e amministrativi le cui conseguenze ricadono innanzitutto su risparmiatori, utenti e lavoratori. Da tempo molti commentatori evidenziano come l'attuale sistema penale concorra a rendere i processi lunghi, favorisca la prescrizione di reati gravi ma puniti con pene modeste e, in fondo, operi a due velocità penalizzando i soggetti meno garantiti.

La risposta a queste criticità dei settori civili e penali può venire solo dal superamento definitivo di una politica sulla giustizia costruita su singoli interventi in assenza di un disegno complessivo che si articoli su priorità, su risparmi oculati e su investimenti lungimiranti.

Diventa allora indispensabile porre rimedio tempestivo alla scopertura così elevata degli organici dei magistrati, che penalizza il funzionamento degli uffici, frustra molti degli sforzi di miglioramento e rischia di rendere in parte inutile la revisione delle circoscrizioni. Senza dimenticare che l'ormai più che decennale blocco totale delle assunzioni del personale amministrativo e tecnico del settore giustizia si dimostra incompatibile con le esigenze minime di funzionalità e con la necessaria innovazione tecnologica che richiede l'immissione di professionalità adeguate. E, più in generale, dobbiamo evidenziare i rischi che deriverebbero dall'assenza di risorse necessarie per rendere operative le  innovazioni introdotte in tema di processo civile telematico, di notificazioni, di programmi organizzativi.

Molto la magistratura può fare  in un contesto positivo, assumendosi responsabilità chiare per i miglioramenti che le competono, a partire dal sistema di nomina dei capi ufficio, troppo spesso condizionato da logiche estranee alla selezione e alla valutazione su base di attitudini e qualità.

Infine, e soprattutto, soprattutto non possiamo permetterci una ritorno al clima di diffidenza e di avversione verso i controlli di legalità e la magistratura che una parte dei rappresentanti politici periodicamente contribuisce a creare,  con effetti disastrosi per la collettività.

LUIGI MARINI presidente di Magistratura Democratica

29 gennaio 2013
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

di Giulia Merlo
R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca