Processo lungo, la risoluzione del Csm

"Rallenterebbe a dismisura processi in corso"

ROMA - Il plenum del CSM  con 18 voti a favore e 3 contrari (Palumbo, Zanon, Romano) ha adottato, il 7 settembre, una risoluzione relativa al c.d. “processo lungo”. Il parere del Consiglio è, ovviamente, molto critico per “ l’evidente capacità di rallentare a dismisura la durata di tutti processi penali attualmente in corso, fatta eccezione solo per quelli per i quali sia stato già chiuso il dibattimento di primo grado”.

In particolare la critica riguarda, oltre alla facoltà, per l’imputato, di "interrogare o fare interrogare, a mezzo del difensore le persone che rendono dichiarazioni a suo carico":

-          la limitazione della valutazione del giudice in ordine alla ammissibilità delle prove alla sola “manifesta non pertinenza” con le intuibili conseguenze in ordine alla dilatazione dei tempi del procedimento, alla disincenentivazione nell’uso dei riti alternativi, alla violazione del principio costituzionale della ragionevole durata del processo;

-          la necessità di ripetere, a semplice richiesta dell’imputato, l’istruttoria dibattimentale anche su fatti già accertati con sentenze irrevocabili.

La risoluzione evidenzia come l’intervento legislativo sia finalizzato ad agevolare l'abuso del processo e legittimare le più varie tattiche dilatorie ed opera una ulteriore e forse decisivo stravolgimento del modello processuale vigente con l’obiettivo (ormai quasi enunciato) di perseguire la paralisi, l’implosione del processo penale.

Vittorio Borraccetti, Paolo Carfì, Franco Cassano, Nello Nappi, Roberto Rossi, Francesco Vigorito

 

LA RISOLUZIONE:

7 settembre 2011
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore