In ricordo

Per Salvatore Senese

di MD Toscana
Il vuoto lasciato dalla sua scomparsa non è di quelli che possano essere facilmente colmati. Non lo sarebbe stato in nessuna fase della vita di Magistratura democratica. Ma oggi, con tutto quello che sta succedendo, è facile capire che quel vuoto rimarrà per molto tempo ad ammonirci

Salvatore ci lascia mentre i giornali e le televisioni raccontano una deriva del costume della magistratura, o di una parte significativa di vertice, molto lontana dall’insegnamento che per quasi cinquant’anni ci ha dato.
  Salvatore ha trascorso i lunghi anni della sua operosa vita prima a fare il pretore, poi il giudice, poi il consigliere del CSM, in uno dei momenti più difficili per la magistratura, poi il parlamentare per dieci anni e, infine, di nuovo il giudice, fino al collocamento a riposo.

Qualcuno di noi ricorda nitidamente quale impressione avevamo di questo suo disinvolto passare da una funzione all’altra, dall’esercizio della giurisdizione alla politica e viceversa. Salvatore dava l’impressione di svolgere sempre lo stesso mestiere: che stesse in un’aula di giustizia o in un’aula del Parlamento, la sua enorme cultura giuridica (che non esibiva mai) gli consentiva di individuare l’interesse pubblico come unica guida di ogni suo intervento.

Che facesse il giudice o il senatore della Repubblica, gli obiettivi non cambiavano: l’attuazione ferma dei principi costituzionali, la realizzazione del principio di eguaglianza tra i cittadini, l’indipendenza della magistratura da ogni potere.
Non ha cercato altro, non ha inseguito altro per tutta la vita, attraverso una lunga e originale riflessione sul diritto interno e sul diritto dei popoli.

  C’è stata una lunga stagione nella vita di Salvatore in cui lo studio del contesto internazionale è sembrato prevalere su quello degli equilibri giuridici interni al nostro paese. Ma era solo un'impressione, moltiplicata dalla passione con cui Senese seguiva le vicende di altri paesi del mondo che gli erano cari, oppure del Tribunale dei popoli, cui dedicò molte energie. Ma non perse mai di vista le vicende politiche e giudiziarie del nostro paese.
Quando, finita l’avventura politica, ritornò a fare il giudice, sembrò che fino ad allora non avesse fatto altro. A nessuno venne in mente che la lunga militanza politica potesse incrinare la sua imparzialità, il suo distacco dai partiti e dalle fazioni. Anzi, a molti metteva soggezione il suo distacco dalle piccole vicende quotidiane e quella sua capacità di individuare soltanto gli interessi generali e i principi di fondo dell’ordinamento.

  E colpiva il suo disinteresse per la carriera: era troppo autorevole per avere bisogno di qualche incarico.
Il suo disinteresse fu clamoroso quando, per un posto prestigioso in Cassazione, gli fu preferito un altro collega, che non aveva né la sua smisurata cultura, né la sua esperienza, né la sua prestigiosa carriera alle spalle.
Salvatore non disse una parola, continuò a lavorare insegnando ancora una volta a tutti come si comporta il magistrato voluto dalla nostra Costituzione. 

  Ma crediamo che, nel momento buio che stiamo attraversando, la cosa che più ci mancherà è lo spirito e il senso con il quale Salvatore ha vissuto l’esperienza delle correnti in magistratura. La sua convinzione incrollabile era che solo le correnti potessero preservare la magistratura dai rischi di essere e apparire una corporazione; che solo il respiro ampio della riflessione sul modello di giudice elaborato dalle correnti potesse avvicinarci a quello prefigurato dai padri costituenti.
Che le correnti potessero servire per fare carriera era un’idea che non lo sfiorava.
Non era un ingenuo Salvatore, ma il suo orizzonte culturale ed etico gli impediva di concepire cadute di ogni genere. 

  Salvatore ha fatto molto per MD; ma la sua lezione e il suo esempio sono oggi per tutti noi necessari, come mai è accaduto per il passato.

19 giugno 2019
Ultimi articoli
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore
Indagini e stampa

Calabria «smontata» dal processo mediatico

di Emilio Sirianni
Prudenza istituzionale e rispetto delle persone coinvolte, inclusi gli indagati, impongono sobrietà e cautela nelle dichiarazioni rese dai magistrati alla stampa
Genova, 34° Congresso Anm

“La nuova sfida di fedeltà alla Costituzione”

di Mariarosaria Guglielmi
Incondizionata fedeltà alla Carta fondamentale, rinnovata consapevolezza del ruolo costituzionale della giurisdizione e piena responsabilità professionale e culturale: queste le grandi sfide democratiche, che coinvolgono il futuro dell’Europa e dello Stato di diritto, sulle quali la Magistratura è chiamata ad impegnarsi collettivamente