In ricordo

Per Salvatore Senese

di MD Toscana
Il vuoto lasciato dalla sua scomparsa non è di quelli che possano essere facilmente colmati. Non lo sarebbe stato in nessuna fase della vita di Magistratura democratica. Ma oggi, con tutto quello che sta succedendo, è facile capire che quel vuoto rimarrà per molto tempo ad ammonirci

Salvatore ci lascia mentre i giornali e le televisioni raccontano una deriva del costume della magistratura, o di una parte significativa di vertice, molto lontana dall’insegnamento che per quasi cinquant’anni ci ha dato.
  Salvatore ha trascorso i lunghi anni della sua operosa vita prima a fare il pretore, poi il giudice, poi il consigliere del CSM, in uno dei momenti più difficili per la magistratura, poi il parlamentare per dieci anni e, infine, di nuovo il giudice, fino al collocamento a riposo.

Qualcuno di noi ricorda nitidamente quale impressione avevamo di questo suo disinvolto passare da una funzione all’altra, dall’esercizio della giurisdizione alla politica e viceversa. Salvatore dava l’impressione di svolgere sempre lo stesso mestiere: che stesse in un’aula di giustizia o in un’aula del Parlamento, la sua enorme cultura giuridica (che non esibiva mai) gli consentiva di individuare l’interesse pubblico come unica guida di ogni suo intervento.

Che facesse il giudice o il senatore della Repubblica, gli obiettivi non cambiavano: l’attuazione ferma dei principi costituzionali, la realizzazione del principio di eguaglianza tra i cittadini, l’indipendenza della magistratura da ogni potere.
Non ha cercato altro, non ha inseguito altro per tutta la vita, attraverso una lunga e originale riflessione sul diritto interno e sul diritto dei popoli.

  C’è stata una lunga stagione nella vita di Salvatore in cui lo studio del contesto internazionale è sembrato prevalere su quello degli equilibri giuridici interni al nostro paese. Ma era solo un'impressione, moltiplicata dalla passione con cui Senese seguiva le vicende di altri paesi del mondo che gli erano cari, oppure del Tribunale dei popoli, cui dedicò molte energie. Ma non perse mai di vista le vicende politiche e giudiziarie del nostro paese.
Quando, finita l’avventura politica, ritornò a fare il giudice, sembrò che fino ad allora non avesse fatto altro. A nessuno venne in mente che la lunga militanza politica potesse incrinare la sua imparzialità, il suo distacco dai partiti e dalle fazioni. Anzi, a molti metteva soggezione il suo distacco dalle piccole vicende quotidiane e quella sua capacità di individuare soltanto gli interessi generali e i principi di fondo dell’ordinamento.

  E colpiva il suo disinteresse per la carriera: era troppo autorevole per avere bisogno di qualche incarico.
Il suo disinteresse fu clamoroso quando, per un posto prestigioso in Cassazione, gli fu preferito un altro collega, che non aveva né la sua smisurata cultura, né la sua esperienza, né la sua prestigiosa carriera alle spalle.
Salvatore non disse una parola, continuò a lavorare insegnando ancora una volta a tutti come si comporta il magistrato voluto dalla nostra Costituzione. 

  Ma crediamo che, nel momento buio che stiamo attraversando, la cosa che più ci mancherà è lo spirito e il senso con il quale Salvatore ha vissuto l’esperienza delle correnti in magistratura. La sua convinzione incrollabile era che solo le correnti potessero preservare la magistratura dai rischi di essere e apparire una corporazione; che solo il respiro ampio della riflessione sul modello di giudice elaborato dalle correnti potesse avvicinarci a quello prefigurato dai padri costituenti.
Che le correnti potessero servire per fare carriera era un’idea che non lo sfiorava.
Non era un ingenuo Salvatore, ma il suo orizzonte culturale ed etico gli impediva di concepire cadute di ogni genere. 

  Salvatore ha fatto molto per MD; ma la sua lezione e il suo esempio sono oggi per tutti noi necessari, come mai è accaduto per il passato.

19 giugno 2019
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.