Tecnologia e processo

Non si stravolga il principio dell’oralità e immediatezza: il processo vero si fa in aula

di Mariarosaria Guglielmi
Segretaria generale di Magistratura democratica
La tecnologia può assicurare efficienza, ma i nuovi strumenti devono essere governati e non subiti. È necessario investire sul processo penale telematico, favorendo l’accesso digitale agli atti e la circolazione dei documenti. Occorre smaterializzare le carte, non le persone.

Non è materia da poco: è il cuore della democrazia. «Perché la giustizia è espressione e luogo di democrazia». Mariarosaria Guglielmi è pm della Procura di Roma e segretaria di Magistratura democratica, e tiene a ricordare quel valore. Guida una componente storica, progressista, e attenta alla riflessione culturale. Perciò anche sulla giustizia telematica, Md, e Guglielmi, non si fermano ai dettagli tecnici. «Il punto è la linea di confine. Il patrimonio tecnico acquisito, anche a fatica, nei giorni dell’emergenza è prezioso. Ma tutto sta a intendersi sull’uso che se ne potrà fare a emergenza conclusa. Si tratta di comprendere se è pensabile, e non credo che possa mai esserlo, scalfire con la telematica il principio di oralità e immediatezza del contraddittorio alla base della formazione della prova nel nostro sistema penale».

 

Intanto le udienze da remoto scontano farraginosità. O no?

Parlo della Procura e del Tribunale di Roma. Qui è stato compiuto un grande sforzo. Si è garantito lo svolgimento, da remoto, delle udienze di convalida dell’arresto e del fermo. Sono emersi anche alcuni problemi specifici: dalle possibili eccezioni relative a carenza di connessione agli aspetti segnalati dal Garante della privacy. Ma lo sforzo compiuto, qui come altrove, per evitare una sospensione della giurisdizione, è stato avvertito come molto positivo.

 

Al punto da mandare in soffitta il processo svolto in un’aula vera?

Aspetti. E chiaro che non avrebbe senso mortificare i risultati ottenuti. Ma certo, è qui che è necessario compiere una riflessione. Su un aspetto in particolare: in che modo le evoluzioni tecnologiche incidono sul nostro paradigma di processo penale. Se abbiamo nuovi strumenti, dobbiamo governarli, non subirli.

 

E in che modo?

È necessario investire sul processo penale telematico. In modo da preservare una condizione di reciprocità tra uffici giudiziari e avvocatura. La tecnologia può assicurare efficienza. Ma bisogna chiedersi se si possa oltrepassare quella linea del Piave rappresentata dall’istruttoria dibattimentale, dall’esame e dal controesame. Dobbiamo chiederci se sia possibile un esame a distanza. O se verrebbe così compromesso il principio dell’oralità e immediatezza.

 

Ed è possibile superare quei principi?

Vorrebbe dire cambiare il modello del nostro processo penale. Governato dall’oralità ma anche da un altro principio non trascurabile: la concentrazione, la contestualità. Le parti del processo devono trovarsi in un determinato luogo nello stesso momento. Non è possibile, ritengo, prescindere da questo. E attenzione: è un’esigenza certamente avvertita dagli avvocati, come è emerso dalle prese di posizione dell’Unione Camere penali. Ma riguarda tutti. Anche noi magistrati.

 

E allora quale può essere l’eredità legittima della giustizia virtuale d’emergenza?

Ho accennato alla reciprocità nell’accesso digitale e nella circolazione dei documenti. In una parola, è senz’altro giusto facilitare la smaterializzazione delle carte. Ma va evitata la smaterializzazione delle persone.

 

La magistratura è coesa sul punto?

Credo vada evitata la contrapposizione fra chi crede nelle opportunità della tecnologia e chi le rifiuta culturalmente e pregiudizialmente. Il dibattito associativo di questi giorni all’interno della magistratura è stato molto articolato. Mi sembra che ci sia accordo sulla necessità di portare avanti un lavoro per soluzioni e strumenti essenziali per rendere più efficiente il processo, recuperando in particolare il ritardo nella digitalizzazione del settore penale. E importante che prosegua anche con l’avvocatura un confronto sulle soluzioni rispetto alle quali si pone un problema di incidenza sul modello di giurisdizione e di processo, nella consapevolezza che è la tecnica a dover seguire il nostro modello costituzionale e normativo del processo e non viceversa.

 

Crede che l’intervento del presidente dell’Anm Poniz faccia chiarezza in proposito?

Mi pare che il presidente Poniz abbia ribadito, in modo molto chiaro, che fin dall’inizio tutti eravamo ben coscienti di quanto le norme sulle udienze da remoto introdotte nelle scorse settimane fossero di carattere emergenziale e transitorio, legate alla fase drammatica in cui ci troviamo, ma destinate a durare solo finché è necessario per preservare la salute pubblica.

 

L’Ucpi ha assunto una posizione molto dura contro l’uso e l’abuso della giustizia virtuale. Crede che questo complicherà i rapporti fra magistratura e avvocatura?

No. Il confronto fra avvocati e magistrati fa parte della responsabilità connessa al nostro ruolo. Nessuno di noi spinge per un processo più comodo alla propria parte: la dialettica riguarda sempre e comunque i principi. Il motivo è semplice: la giustizia non è solo nostra o solo degli avvocati. È della democrazia. Casomai è giusto lavorare in una prospettiva comune, in un tavolo permanente, in vista dell’uscita dalla crisi. E anzi, ricorderei una cosa: se si è arrivati alla faticosa eccezione delle udienze di convalida da remoto è perché magistrati e avvocati si sono seduti insieme attorno a quel tavolo, e hanno messo in pratica quell’impegno comune.

Articolo pubblicato da Il Dubbio
edizione del 22 aprile 2020

22 aprile 2020
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.