Dichiarazione di Santiago

MEDEL: l’impegno per promuovere la parità di genere

Amministrare la giustizia sapendo che esistono ancora disparità tra uomini e donne nella società e che gli stereotipi devono essere scardinati, anche all'interno della magistratura

Oggi, nella dimensione europea, disponiamo del quadro normativo necessario per attuare le politiche sulla parità di genere.

Si tratta di un quadro che supporta la creazione di organismi e di progetti per realizzare la parità, sotto l’impulso di reti di giuriste donne i cui scopi vanno oltre il settore legale e sono suscettibili di avere una più larga ripercussione nella società.

Questo è il momento in cui MEDEL, in quanto associazione progressista, deve impegnarsi a promuovere misure volte a sradicare le disuguaglianze strutturali e sistemiche che incidono sull’amministrazione della giustizia e, in quanto soggetto partecipe degli sviluppi del sistema, a dare impulso e ad accompagnare i cambiamenti necessari nelle norme di funzionamento e d’organizzazione, nelle condizioni di lavoro e nelle relative responsabilità nei carichi di lavoro, nella progressione professionale, nella valutazione dei requisiti di merito, e nel linguaggio giuridico.

I giudici e i pubblici ministeri hanno la responsabilità di amministrare la giustizia sapendo che esistono ancora disparità tra uomini e donne nella società e che gli stereotipi devono essere scardinati, anche all'interno della magistratura.

Abbiamo la responsabilità di valutare l'impatto positivo che qualsiasi tipo di intervento professionale può avere sulle donne.


Questo è il momento dell’impegno. Siamo responsabili dell'eredità che lasceremo alle generazioni future e non possiamo e non dobbiamo rimandare questo nostro compito.

 

Santiago de Compostela, pubblicata il 23 novembre 2019

7 dicembre 2019
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore