27 gennaio, Giornata internazionale della Memoria

Md, il ricordo del passato per capire il presente

Come ogni anno, da quando fu indetta dall’Assemblea Generale dell’Onu il 1° novembre del 2005, si tiene il 27 gennaio la giornata internazionale della Memoria dedicata al ricordo dell’Olocausto

Come ogni anno, da quando fu indetta dall’Assemblea Generale dell’Onu il 1° novembre del 2005, si tiene il 27 gennaio la giornata internazionale della Memoria dedicata al ricordo dell’Olocausto. 

Un’occasione importante per riflettere sulla peggiore pagina del novecento europeo, sul più grande genocidio dell’umanità. La ricorrenza non è affatto rituale, vista la crescita di movimenti e partiti apertamente neonazisti e neofascisti, razzisti e xenofobi in tutta Europa, che cercano collegamenti e intese tra loro, da cui non è certo esente il nostro paese. Il furto delle “pietre di inciampo” a Roma poste in memoria degli ebrei deportati è solo una delle più gravi e odiose manifestazione di antisemitismo che si sono manifestate. 

L’anno scorso abbiamo ricordato l’80° anniversario dell’approvazione delle leggi razziali fasciste. Ma il risveglio e la mobilitazione di tante coscienze, come la partecipazione attiva dei giovani, non sono riusciti ancora a eliminare quei veleni denunciati dal bellissimo discorso della senatrice a vita Liliana Segre, sopravvissuta ai campi di concentramento nazisti. La senatrice non ha solo voluto lasciarci una indispensabile testimonianza, ma ha saputo legare il ricordo di quel doloroso passato  alle terribili ingiustizie del presente. “Anch’io sono stata clandestina” ci ha detto. Eppure continuiamo a registrare l’assenza di umanità persino da parte di chi rappresenta le istituzioni di una Repubblica nata dalla lotta al nazifascismo. Le cronache che quasi quotidianamente ci parlano di morti in mare, ormai diventate migliaia, di respingimenti verso paesi nei quali i diritti umani sono calpestati sistematicamente in strutture concentrazionarie che ci ricordano i terribili lager nazisti, di sgomberi di centri per l’accoglienza, di immigrati gettati così su una strada, di violente interruzioni dei processi di integrazione, ci fanno capire che bisogna continuare a ricordare per evitare il ritorno del passato in qualunque forma si presenti.

Come scriveva Primo Levi, al termine della sua celebre trilogia di Auschwitz: “E’ avvenuto, quindi può accadere di nuovo: questo è il nocciolo di quanto abbiamo da dire”.

26 gennaio 2019
Ultimi articoli
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019
In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

di Edmondo Bruti Liberati
In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo
In ricordo

Per Salvatore Senese

di MD Toscana
Il vuoto lasciato dalla sua scomparsa non è di quelli che possano essere facilmente colmati. Non lo sarebbe stato in nessuna fase della vita di Magistratura democratica. Ma oggi, con tutto quello che sta succedendo, è facile capire che quel vuoto rimarrà per molto tempo ad ammonirci
In ricordo

Salvatore Senese, la sua lezione di fronte allo squallore di oggi

Proponiamo il brano di Luigi Ferrajoli pubblicato da il manifesto del 18 giugno 2019.

Nelle sue parole, il miglior antidoto alla demagogia di chi chiede il dissolvimento delle associazioni e, così facendo, impedisce un reale cambiamento delle stesse o propone di cambiare tutto per non cambiare niente. (L’Esecutivo nazionale di Magistratura democratica)