L'intervento

L'ufficio per il processo

Una priorità assoluta

MILANO - L'ufficio per il processo è una eccellente prospettiva immediatamente praticabile per migliorare la qualità del nostro lavoro e per far sì che lavoro e giovani trovino risposte concrete nel mondo della giustizia.

Sappiamo tutti che i magistrati italiani sono tra i pochi professionisti che lavorano senza un adeguato supporto ed assistenza.

L'ufficio per il processo è una risposta concreta già sperimentata con successo in alcuni uffici e da ultimo, fatta propria dallo stesso Ministro Cancellieri.

Dalle esperienze svolte a Milano e Firenze traiamo risultati eccellenti: un forte miglioramento della qualità del lavoro, un aumento del 15 per cento nella produzione di sentenze, una forte soddisfazione dei magistrati e degli stagisti coinvolti, una percentuale significativa dei giovani coinvolti che ha trovato lavoro durante lo stesso stage.

Con l'ufficio per il processo possiamo raggiungere obiettivi diversi, che possono far diventare la giustizia una risorsa positiva per il Paese: dare un apporto qualificato ai magistrati (ricerche giurisprudenziali, scheda del processo, bozze di provvedimenti), garantire a migliaia di giovani una formazione qualificata e spendibile verso sbocchi professionali, cominciare ad aggredire l'arretrato.

La via maestra per realizzare compiutamente l’ufficio per il processo è quella di affiancare al giudice una vera e propria unità operativa composta da una nuova figura professionale di assistente, specificamente assunta e formata, da stagisti e giudici onorari.

Sin d’ora, in via immediata e preparatoria, nell’attesa di nuove assunzioni, cui non possiamo rinunciare, si possono formulare due ipotesi su cui lavorare: pensare agli stage in uffici giudiziari da parte di giovani laureati come strada alternativa alle scuole di specializzazione per accedere al concorso di magistratura e all'avvocatura e per avere agevolazioni negli altri concorsi pubblici, ovvero pensare a stage riservati a laureati e specializzati, con l'erogazione di borse di studio.

Se si riuscisse ad unire l'apporto di stagisti con l'inserimento dei giudici onorari nell'ufficio per il processo, creeremmo delle vere e proprie unità operative che potrebbero assistere e potenziare l'attività dei magistrati, partendo dal settore civile(tribunali e corti) , ma estendendo tale possibilità ai giudici penali e ai PM.

Se ciò venisse fatto come ufficio giudiziario, nell'ambito di un progetto di recupero dell'arretrato e di miglioramento della qualità del. Lavoro, con una formazione ed un monitoraggio centralizzati, potremmo davvero avere risultati eccellenti, evitando pericoli di reclutamenti più o meno straordinari o la riedizione delle sezioni stralcio.

Non solo, ma per una volta la giustizia diventerebbe un'occasione ed un' opportunità per il lavoro e per i giovani.

Una priorità ed una grande occasione per tutti noi.


Claudio Castelli - Tribunale di Milano

(28 maggio 2013)

28 maggio 2013
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore