Lampedusa

Non basta indignarsi

Di fronte alle tragedie di questi giorni, tragedie ripetute di donne, uomini e bambini morti a pochi metri o poche miglia dalle nostre coste, non basta indignarsi e non basta commuoversi.

Il coraggio e la generosità di chi è intervenuto per fare il possibile ci dimostrano che la gente d’Italia è capace di capire e di fare. Nonostante le parole che ancora due giorni fa sono state dette nel nostro Parlamento e ieri ripetute sulle stampa.

Ma è evidente che senza relazioni internazionali efficaci e senza una politica europea e nazionale condivisa restano solo i singoli episodi, gestiti con buona volontà ma in solitudine e presto dimenticati.

Se siamo convinti che queste tragedie “non devono più accadere”, occorre affrontare con serietà e senza ideologie le enormi difficoltà che sono inevitabili in presenza di fenomeni di migrazione così rilevanti e delle mille storie individuali, delle mille persone che ci chiedono di non voltare la testa. Ripensare gli ingressi, rivedere le regole sulla cittadinanza, investire in progetti sono strade obbligate, dimostratesi efficaci dove percorse, se non vogliamo accrescere i livelli di impotenza e di ipocrisia cui talvolta assistiamo.

Luigi Marini


VIDEO: GIUSI NICOLINI A PAROLE DI GIUSTIZIA 2013



3 ottobre 2013

3 ottobre 2013
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore