Lampedusa

Non basta indignarsi

Di fronte alle tragedie di questi giorni, tragedie ripetute di donne, uomini e bambini morti a pochi metri o poche miglia dalle nostre coste, non basta indignarsi e non basta commuoversi.

Il coraggio e la generosità di chi è intervenuto per fare il possibile ci dimostrano che la gente d’Italia è capace di capire e di fare. Nonostante le parole che ancora due giorni fa sono state dette nel nostro Parlamento e ieri ripetute sulle stampa.

Ma è evidente che senza relazioni internazionali efficaci e senza una politica europea e nazionale condivisa restano solo i singoli episodi, gestiti con buona volontà ma in solitudine e presto dimenticati.

Se siamo convinti che queste tragedie “non devono più accadere”, occorre affrontare con serietà e senza ideologie le enormi difficoltà che sono inevitabili in presenza di fenomeni di migrazione così rilevanti e delle mille storie individuali, delle mille persone che ci chiedono di non voltare la testa. Ripensare gli ingressi, rivedere le regole sulla cittadinanza, investire in progetti sono strade obbligate, dimostratesi efficaci dove percorse, se non vogliamo accrescere i livelli di impotenza e di ipocrisia cui talvolta assistiamo.

Luigi Marini


VIDEO: GIUSI NICOLINI A PAROLE DI GIUSTIZIA 2013



3 ottobre 2013

3 ottobre 2013
Ultimi articoli
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti
Caldarozzi alla Dia

De Vito, presidente di Md: «Sorpreso da questa promozione»

L'intervista a Il Manifesto, 28 dicembre 2017