Lampedusa

Non basta indignarsi

Di fronte alle tragedie di questi giorni, tragedie ripetute di donne, uomini e bambini morti a pochi metri o poche miglia dalle nostre coste, non basta indignarsi e non basta commuoversi.

Il coraggio e la generosità di chi è intervenuto per fare il possibile ci dimostrano che la gente d’Italia è capace di capire e di fare. Nonostante le parole che ancora due giorni fa sono state dette nel nostro Parlamento e ieri ripetute sulle stampa.

Ma è evidente che senza relazioni internazionali efficaci e senza una politica europea e nazionale condivisa restano solo i singoli episodi, gestiti con buona volontà ma in solitudine e presto dimenticati.

Se siamo convinti che queste tragedie “non devono più accadere”, occorre affrontare con serietà e senza ideologie le enormi difficoltà che sono inevitabili in presenza di fenomeni di migrazione così rilevanti e delle mille storie individuali, delle mille persone che ci chiedono di non voltare la testa. Ripensare gli ingressi, rivedere le regole sulla cittadinanza, investire in progetti sono strade obbligate, dimostratesi efficaci dove percorse, se non vogliamo accrescere i livelli di impotenza e di ipocrisia cui talvolta assistiamo.

Luigi Marini


VIDEO: GIUSI NICOLINI A PAROLE DI GIUSTIZIA 2013



3 ottobre 2013

3 ottobre 2013
Ultimi articoli
Commenti

La controriforma gialloverde delle carceri

di Riccardo De Vito
L'analisi. I contenuti del decreto legislativo in tema di ordinamento penitenziario approvato dal Consiglio dei Ministri il 2 agosto (Il Manifesto)
L’intervento

La magistratura torni all’impegno comune sui diritti e sulle garanzie

di Mariarosaria Guglielmi
Corriere della Sera, 31 luglio 2018
Nave Diciotti

Riccardo De Vito: «Ministro dell’Interno distante dai principi della Costituzione»

Per il presidente di Md, ancora una volta la vicenda dei migranti strumentalizzata per fini politici
Giustizia

Md: il ministro prenda distanze da dichiarazioni sottosegretario Morrone

Associazionismo dei magistrati e cultura giurisdizione siano sempre baluardo dei diritti fondamentali
Elezioni Csm

Sanlorenzo: «L’attacco del ministro ai magistrati va oltre ogni diritto di critica»

Intervista a Rita Sanlorenzo, candidata di Area contro Piercamillo Davigo alle elezioni del Csm. Un esponente delle istituzioni trasforma una questione privata come capo-partito in una questione istituzionale. Il Csm intervenga con una pratica a tutela dei colleghi (Il Manifesto)
Elezioni Csm

Giangiacomo: «Basta carrierismo: i magistrati devono fare un salto culturale…»

Parla Bruno Giangiacomo, presidente del Tribunale di Vasto e candidato per i giudici di merito per Area, alle elezioni per il rinnovo del Csm (Il Dubbio)