La scomparsa

Addio a Giovanni Conso

"Punto di riferimento e compagno di viaggio prezioso"

La scomparsa di Giovanni Conso ci rattrista profondamente. Con il suo esempio civile e il suo insegnamento ha rappresentato un punto di riferimento importante per i magistrati di Magistratura democratica. Un giurista acuto e un uomo che ha operato con passione e sempre con indiscutibile correttezza nelle istituzioni, al Consiglio Superiore della Magistratura, alla Corte Costituzionale e al Ministero della Giustizia. Un compagno di viaggio prezioso in molte iniziative e congressi e anche nei contrasti che sono propri degli uomini liberi. Alla sua famiglia esprimiamo vicinanza e cordoglio in questo momento di dolore.


Anna Canepa, segretario generale Magistratura democratica
Carlo De Chiara, presidente Magistratura democratica


(3 agosto 2015)

3 agosto 2015
Ultimi articoli
Rassegna

Nel nome dell’interesse dello Stato si fa a pezzi il principio di non colpevolezza

Intervista a Riccardo De Vito, presidente di Md (Il Manifesto, 7 novembre 2018)
Intervento

Il ruolo della magistratura nella difesa delle garanzie

di Mariarosaria Guglielmi
Il garantismo: esigenza della giurisdizione, fondamento della sua indipendenza
Minori

Prime riflessioni sul Ddl Pillon

di Giulia Marzia Locati
Dal superiore interesse del minore ad una visione adulto centrica delle relazioni familiari
Medel/Aed

Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés)/Aed (Avocats Européens Democrates): Magistrati e Avvocati dalla parte dei valori comuni

di Mariarosaria Guglielmi
Le conclusioni comuni della conferenza internazionale L’indipendenza della Giustizia in Europa, Magistrati/Avvocati/Duo/Duel (Bruxelles, 26 maggio 2018)
Rassegna

I magistrati democratici europei: «Le costituzioni affermino il ruolo dell’avvocato»

Il Dubbio, 29 settembre 2018
Polonia

Encj: il Consiglio di Giustizia (KRS) non è un'istituzione indipendente

Le riforme della giustizia hanno prodotto una crisi sistemica dello Stato di diritto. Il KRS non è in grado di sostenere il sistema giudiziario nell’esercizio indipendente della giurisdizione