Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
SUPREME COURT
of the Republic of Poland


Resolution

The General Assembly of the Judges of the Supreme Court
of 16 January 2018

STATEMENT

Judges of the Supreme Court gathered at the General Assembly on 16 January 2018, declare:

 

  1. Adopted by both chambers of Parliament and signed by the President of the Republic of Poland new laws: on the Supreme Court and the National Council of the Judiciary and common courts have been prepared in violation of fundamental rules of law, without adequate consultation, with disrespect to revealed scientific opinions and positions of legal and academic organizations. They are, in a number of provisions, contrary to the prevailing standards of the Constitution of the Republic of Poland and in breach of the rule of separation of state powers, the independence of the courts, judges and their irremovability.
  2. Lasting until the end of April 2020, constitutionally specified, 6-year long, term of office of the first President of the Supreme Court cannot be shortened by ordinary law.
  3. Unlawful and unjustified removal from the Office of nearly half of the experienced judges of the Supreme Court in no way will improve the operation of the justice system.
  4. Demonstrative showing of disrespect and denigration of judges by the highest representatives of the legislative and executive powers aims to diminish the authority of the Polish State, part of which is justice.
  5. We express our appreciation to all the judges, individuals and institutions which, with words and actions, supported the efforts to preserve the independence of the Polish courts and judges.
  6. We appeal to respect the decisions of each judge, who, according to the new law on the Supreme Court, is forced to decide whether to remain in their post, retire or apply for the consent of executive power for the extension of the exercise of activities as a judge.
16 gennaio 2018
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.