Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
SUPREME COURT
of the Republic of Poland


Resolution

The General Assembly of the Judges of the Supreme Court
of 16 January 2018

STATEMENT

Judges of the Supreme Court gathered at the General Assembly on 16 January 2018, declare:

 

  1. Adopted by both chambers of Parliament and signed by the President of the Republic of Poland new laws: on the Supreme Court and the National Council of the Judiciary and common courts have been prepared in violation of fundamental rules of law, without adequate consultation, with disrespect to revealed scientific opinions and positions of legal and academic organizations. They are, in a number of provisions, contrary to the prevailing standards of the Constitution of the Republic of Poland and in breach of the rule of separation of state powers, the independence of the courts, judges and their irremovability.
  2. Lasting until the end of April 2020, constitutionally specified, 6-year long, term of office of the first President of the Supreme Court cannot be shortened by ordinary law.
  3. Unlawful and unjustified removal from the Office of nearly half of the experienced judges of the Supreme Court in no way will improve the operation of the justice system.
  4. Demonstrative showing of disrespect and denigration of judges by the highest representatives of the legislative and executive powers aims to diminish the authority of the Polish State, part of which is justice.
  5. We express our appreciation to all the judges, individuals and institutions which, with words and actions, supported the efforts to preserve the independence of the Polish courts and judges.
  6. We appeal to respect the decisions of each judge, who, according to the new law on the Supreme Court, is forced to decide whether to remain in their post, retire or apply for the consent of executive power for the extension of the exercise of activities as a judge.
16 gennaio 2018
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore