Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
SUPREME COURT
of the Republic of Poland


Resolution

The General Assembly of the Judges of the Supreme Court
of 16 January 2018

STATEMENT

Judges of the Supreme Court gathered at the General Assembly on 16 January 2018, declare:

 

  1. Adopted by both chambers of Parliament and signed by the President of the Republic of Poland new laws: on the Supreme Court and the National Council of the Judiciary and common courts have been prepared in violation of fundamental rules of law, without adequate consultation, with disrespect to revealed scientific opinions and positions of legal and academic organizations. They are, in a number of provisions, contrary to the prevailing standards of the Constitution of the Republic of Poland and in breach of the rule of separation of state powers, the independence of the courts, judges and their irremovability.
  2. Lasting until the end of April 2020, constitutionally specified, 6-year long, term of office of the first President of the Supreme Court cannot be shortened by ordinary law.
  3. Unlawful and unjustified removal from the Office of nearly half of the experienced judges of the Supreme Court in no way will improve the operation of the justice system.
  4. Demonstrative showing of disrespect and denigration of judges by the highest representatives of the legislative and executive powers aims to diminish the authority of the Polish State, part of which is justice.
  5. We express our appreciation to all the judges, individuals and institutions which, with words and actions, supported the efforts to preserve the independence of the Polish courts and judges.
  6. We appeal to respect the decisions of each judge, who, according to the new law on the Supreme Court, is forced to decide whether to remain in their post, retire or apply for the consent of executive power for the extension of the exercise of activities as a judge.
16 gennaio 2018
Ultimi articoli
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.