L'intervista

Legge liste pulite?

"Occasione mancata"

di LIANA MILELLA (DA REPUBBLICA DEL 14/01/2013)

La legge sulle liste pulite? «Un'occasione mancata». Gli inquisiti candidati? Un pugno alla questione morale. Anna Canepa vice presidente dell'Anm e pm della procura nazionale antimafia, non ha dubbi e spiega perché non dovrebbe correre alle elezioni chi è nei guai con la giustizia per reati gravi.

Il Pdl sta per rimettere in lista gli inquisiti. Che ne pensa?

«È una scelta che da un lato rispetta la legge sull'incandidabilità,dall'altro non rispetta i cittadini. La politica,per ridiventare credibile, deve farsi necessariannente carico della questione morale, che è cosa ben diversa dalle condanne penali. In una comunità fondata su determinati va lori non si sarebbe neppure dovuto discutere di una legge per escludere i condannati per reati gravi».

Costoro dovrebbero tenersi fuori dalla competizione?

«La presunzione di innocenza valeper tre gradi di giudizio, ma l'opportunità politica agisce su altri piani. Candidare inquisiti per reati gravi è una scelta che rientra nella discrezionalità politica, ma in un momentodi crisi della credibilità stessa della politica non aiutacerto a farle risalire la china».

Chi fa le liste sfrutta la legge appena approvata. È stato un grave errore licenziarla così?

«Sicuramente la legge sulle liste pulite non ha risolto il problema di garantire un Parlamento composto dapersone che non hanno avuto a che fare con la giustizia».

A chi dice che è anti-costituzionale stoppare la candidatura di chi non ha condanne definitive lei da magistrato cosa risponde?

«Più da cittadino che da pm dico che non è un problema di certificato penale, ma di qualità etica e moraledelle persone da cui vorrei essere rappresentata».

Perché un politico inquisito cerca disperatamente un posto?

«Mi auguro che chi entra in Parlamento non lo faccia solo per difendersi dai processi, ma per il bene del Paese».

E il caso di Berlusconi dove lo mette?

«Appunto».

14 gennaio 2013
Ultimi articoli
Intervista

“Nessuno si salva da solo...”

Stefano Musolino, membro dell’Esecutivo nazionale di Md: “la Grande Chambre della Corte europea dei diritti dell'uomo ha stabilito che l’ergastolo ostativo previsto dal nostro ordinamento penitenziario è contrario al principio della dignità umana e viola l'art. 3 della Convenzione Europea sui Diritti dell'Uomo”

In memoria di Pino Airò

Magistratura Democratica lo ricorda attraverso le parole di due amici
Bulgaria

Dichiarazione di Medel sugli attacchi subiti dai giudici bulgari

Medel esprime il suo sostegno ai giudici e all’Associazione dei Giudici Bulgari per gli attacchi subiti dopo la pronuncia emessa a settembre dalla Corte di Appello di Sofia nel caso Jock Palfreeman

Dichiarazione di Medel sulle riforme del sistema giudiziario nella Repubblica di Moldavia

Immigrazione

Dichiarazione di Medel (Magistrats européens pour la démocratie et les libertés) sulle attività di soccorso in mare e il decreto sicurezza-bis

Di fronte alle scelte degli stati membri che sono in aperto conflitto con i valori sui quali l’Unione si fonda, l’Europa deve rimanere fedele alla sua storia e alla sua identità e adottare con urgenza una politica in materia di immigrazione per garantire la  tutela effettiva dei diritti di tutte le persone, che rappresenta un  limite invalicabile per  tutti i governi e i legislatori nazionali
Rassegna

«Il diritto alla vita vale meno di un ordine al governo»

«Il decreto sicurezza bis trascina il nostro Paese in un mondo capovolto rispetto al progetto costituzionale democratico dell’Italia repubblicana», dice il presidente di Magistratura democratica Riccardo De Vito.
(Il Manifesto, 7 agosto 2019)