L'intervista

Legge liste pulite?

"Occasione mancata"

di LIANA MILELLA (DA REPUBBLICA DEL 14/01/2013)

La legge sulle liste pulite? «Un'occasione mancata». Gli inquisiti candidati? Un pugno alla questione morale. Anna Canepa vice presidente dell'Anm e pm della procura nazionale antimafia, non ha dubbi e spiega perché non dovrebbe correre alle elezioni chi è nei guai con la giustizia per reati gravi.

Il Pdl sta per rimettere in lista gli inquisiti. Che ne pensa?

«È una scelta che da un lato rispetta la legge sull'incandidabilità,dall'altro non rispetta i cittadini. La politica,per ridiventare credibile, deve farsi necessariannente carico della questione morale, che è cosa ben diversa dalle condanne penali. In una comunità fondata su determinati va lori non si sarebbe neppure dovuto discutere di una legge per escludere i condannati per reati gravi».

Costoro dovrebbero tenersi fuori dalla competizione?

«La presunzione di innocenza valeper tre gradi di giudizio, ma l'opportunità politica agisce su altri piani. Candidare inquisiti per reati gravi è una scelta che rientra nella discrezionalità politica, ma in un momentodi crisi della credibilità stessa della politica non aiutacerto a farle risalire la china».

Chi fa le liste sfrutta la legge appena approvata. È stato un grave errore licenziarla così?

«Sicuramente la legge sulle liste pulite non ha risolto il problema di garantire un Parlamento composto dapersone che non hanno avuto a che fare con la giustizia».

A chi dice che è anti-costituzionale stoppare la candidatura di chi non ha condanne definitive lei da magistrato cosa risponde?

«Più da cittadino che da pm dico che non è un problema di certificato penale, ma di qualità etica e moraledelle persone da cui vorrei essere rappresentata».

Perché un politico inquisito cerca disperatamente un posto?

«Mi auguro che chi entra in Parlamento non lo faccia solo per difendersi dai processi, ma per il bene del Paese».

E il caso di Berlusconi dove lo mette?

«Appunto».

14 gennaio 2013
Ultimi articoli
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 MAGGIO, GIORNO DI ALLERTA PER L'INDIPENDENZA DELLA GIUSTIZIA

Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda in questi giorni anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto, e condannato a di 10 anni in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede - Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Betta Cesqui
Tecnologia e processo

Non si stravolga il principio dell’oralità e immediatezza: il processo vero si fa in aula

di Mariarosaria Guglielmi
La tecnologia può assicurare efficienza, ma i nuovi strumenti devono essere governati e non subiti. È necessario investire sul processo penale telematico, favorendo l’accesso digitale agli atti e la circolazione dei documenti. Occorre smaterializzare le carte, non le persone
Coltivazione domestica

Canapa sul balcone: parole nette dalla Cassazione

di Riccardo De Vito
La sentenza delle Sezioni Unite ha le carte in regola per evitare un rigorismo repressivo che, sinora, ha ottenuto soltanto il risultato di allungare la catena dello spaccio. Ma adesso è indispensabile che il legislatore riprenda la parola per ridisegnare la disciplina delle droghe leggere
Ricordando Walter

Ciao Walter, addio amico amato: modello dell’essere e del fare

di Olindo Canali
È già trascorso un anno da quando Walter Mapelli ci ha lasciato. Walter faceva parte della comunità di Magistratura democratica. Desideriamo ricordarlo con le parole di Olindo Canali, che ringraziamo per questo bel ritratto di Walter